Florideophyceae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Florideophyceae
Haeckel Florideae.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Biliphyta
Phylum Rhodophyta
Subphylum Rhodophytina
Classe Florideophyceae
Cronquist, 1960
Sottoclassi

Le Florideophyceae sono una classe di alghe rosse pluricellulari, con tallo ramificato ad accrescimento apicale.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Posseggono plastidi in numero variabile da uno a molti, privi di pirenoide.
La riproduzione sessuata si compie mediante oogameti prodotti dal tallo gametofitico. Gli organi sessuali maschili (anteridi) si sviluppano su rami anteridiali, isolatamente o raggruppati in ciuffi, producendo spermazi privi di flagello. Gli organi sessuali femminili (carpogoni) si trovano su rami carpogoniali e sono differenziati in una cellula basale sterile e una apicale fertile. Nella cellula fertile, l'oosfera giace inferiormente ed è presente un'estroflessione (tricogino) con cui lo spermazio prende contatto. Avvenuto ciò si ha la lisi della parete, il nucleo maschile penetra nel tricogino e si avvia verso l'oosfera; giunto in prossimità di essa, si divide in due e un solo nucleo derivato attua la fecondazione. Il nucleo zigotico si sposta in una cellula ausiliaria che germina; si forma così sul tallo del gametofito una struttura diploide (gonimoblasto) corrispondente alla fase di carposporofito. Alla formazione possono prendere parte anche cellule del tallo, formando il cistocarpo. Le cellule del gonimoblasto, una volta messe in libertà, si comportano funzionalmente come spore diploidi (carpospore) da cui hanno origine i talli diploidi (tetrasporofiti). Su questi si attua il ciclo asessuato; entro cisti crociate, tetraedriche o zonate si originano per meiosi tetraspore aploidi che formano i gametofiti. Il ciclo biologico è aplodiplonte.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Cronquist, A, The divisions and classes of plants in The Botanical Review 1960; 26: 425-482.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica