Fisica dei cartoni animati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Illustrazione in inglese
« L'animazione segue le leggi della fisica, a meno che il contrario risulti più divertente. »
(Art Babbitt)

L'espressione fisica dei cartoni animati suggerisce le modalità con cui l'animazione permette di piegare o ignorare le normali leggi della fisica in modo da rendere le situazioni più divertenti o drammatiche. Per esempio, quando un personaggio corre oltre un burrone, può continuare a camminare liberamente finché non si rende conto della situazione. Queste leggi vennero più o meno consciamente codificate negli anni trenta e quaranta, quando gli stessi espedienti comici iniziarono a essere utilizzati regolarmente nelle produzioni Warner, MGM e Paramount.

Da forma comica a stile[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente, tralasciare ed alterare le leggi della fisica era un modo semplice per far ridere le persone. Col passare degli anni però si trasformò in una vera e propria caratteristica tipica dell'animazione occidentale. Nei cartoni animati degli altri paesi (gli anime per esempio), le leggi della fisica non vengono stravolte come in quelli delle case produttrici prima citate, e comunque non con effetti comici.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]