Filosseno d'India

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Filosseno
Tetradramma d'argento di Filosseno: al dritto il ritratto del re, elmato, diademato e drappeggiato, recante la legenda greca BASILEOS ANIKETOU PHILOXENOU, "Re Invincibile Filosseno"; al rovescio il re a cavallo in abbigliamento militare, con legenda in kharoshthi MAHARAJASA APADIHATASA PHILASINASA di significato uguale a quella greca
Tetradramma d'argento di Filosseno: al dritto il ritratto del re, elmato, diademato e drappeggiato, recante la legenda greca BASILEOS ANIKETOU PHILOXENOU, "Re Invincibile Filosseno"; al rovescio il re a cavallo in abbigliamento militare, con legenda in kharoshthi MAHARAJASA APADIHATASA PHILASINASA di significato uguale a quella greca
Re indo-greco
In carica 100-95 a.C.
Predecessore Antialcidas / Demetrio III o Polissenio
Successore Diomede / Aminta / Epandro
Nome completo Philoxenos
Altri titoli Aniketos

Filosseno l'Invincibile (greco: Φιλοξενος Ανικετος, Philoxenos Aniketos; kharoshthi: Philasinasa; ... – ...) fu un re indo-greco che regnò sul territorio che va dal Paropamiso al Punjab occidentale; pare che sia stato un sovrano importante, in grado di governare per qualche tempo sull'intero territorio indo-greco.

Osmund Bopearachchi fa risalire il regno di Filosseno al 100-95 a.C., mentre Senior lo vuole regnante tra il 125 e il 110 a.C.; in ogni caso non è stato possibile collegare questo re ad alcuna dinastia indo-greca.

Filosseno a cavallo

Filosseno coniò numerose serie di monete d'argento recanti al rovescio il re a cavallo: questo tipo era stato utilizzato come dritto sulle monete di Antimaco II, il quale avrebbe regnato una sessantina d'anni prima di Filosseno, e come rovescio su rare monete di Nicia. Se la raffigurazione del re a cavallo fosse un simbolo dinastico o una semplice rappresentazione del re come cavaliere non è chiaro; è però certo che diversi re sciti hanno utilizzato dei cavalieri simili sulle loro monete. Oltre al cavaliere, le monete di Filosseno hanno un'altra caratteristica rara nella monetazione indo-greca ma diffusa in quella scita, l'esistenza di alcune dracme di forma quadrata. Questi indizi suggeriscono una qualche connessione di Filosseno con i nomadi che avevano conquistato la Battria.

La maggior parte delle sue monete sono bilingui, con legende in lingua greca e in kharoshthi, ma Filosseno coniò anche alcune monete di tipo attico, con legenda solo in greco, per la circolazione in Battria. Sono note alcune monete di Epandro coniate sopra quelle di Filosseno.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Osmund Bopearachchi, Smithsonian Institution; National Numismatic Collection (U.S.), Indo-Greek, Indo-Scythian and Indo-Parthian coins in the Smithsonian Institution, Washington, National Numismatic Collection, Smithsonian Institution, 1993, OCLC 36240864.
  • Senior, R.C., The Decline of the Indo-Greeks
  • William Woodthorpe Tarn, The Greeks in Bactria and India, Chicago, Ares, 1984, ISBN 0-89005-524-6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore
Antialcidas / Demetrio III o Polissenio
Sovrani indo-greci
100-95 a.C.
Successore
Diomede / Aminta / Epandro
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie