Festival of Britain

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La Skylon tower al Festival of Britain, 1951
Francobolli commemorativi del Festival of Britain - si noti l'icona del Festival sul francobollo da 4p.

Il Festival of Britain fu un'esposizione nazionale che venne aperta a Londra e poi viaggiò per tutta la Gran Bretagna, nel maggio 1951. L'inaugurazione avvenne il 3 maggio[1] Il sito principale dell'esposizione si trovava a South Bank sulla sponda del Tamigi vicino a Waterloo Station. Altre esposizioni erano state approntate a Poplar (architettura), South Kensington (scienze) e Kelvin Hall a Glasgow (industria). L'esposizione venne poi resa itinerante e fece il giro della Gran Bretagna per mare e per terra raggiungendo le seguenti località: Cardiff, Stratford-upon-Avon, Bath, Perth, Bournemouth, York, Aldeburgh, Inverness, Cheltenham, Oxford ed altri centri[2].

A quel tempo, subito dopo la fine della seconda guerra mondiale, la gran parte di Londra era ancora in rovina e la ricostruzione era un'urgente necessità. Il Festival fu un tentativo di dare ai cittadini britannici la certezza della ricostruzione abbinata all'idea di ricostruire delle città più moderne ed efficienti. Esso celebrò il centenario della Great Exhibition del 1851. Il deputato Herbert Morrison del Labour Party disse del Festival che era "un tonico per la nazione".

Durante il festival numerosi londinesi si recarono presso i mercati allestiti nelle strade a comperare frutta, carne, verdura ed oggetti vecchi a Petticoat Lane (Middlesex Street all'estremità di Londra), Berwick Market a Soho e Portobello Market a Kensington Gardens.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Resonto dell'epoca sull'apertura del Festival.
  2. ^ The Festival of Britain (Official Book of the Festival of Britain 1951). HMSO, 1951.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]