Etsy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Etsy
URL http://www.etsy.com/
Commerciale
Tipo di sito Commercio elettronico
Lingua Inglese
Registrazione opzionale
Proprietario
Creato da Robert Kalin, Chris Maguire, Haim Schoppik, Jared Tarbell
Lancio 18 giugno 2005
Stato attuale attivo

Etsy è un sito web dedicato all'e-commerce, all'interno del quale gli iscritti possono vendere prodotti artigianali oppure oggetti vintage. Fondato nel 2005, il sito viene definito un incrocio tra Amazon.com ed eBay[1].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il sito Etsy venne attivato il 18 giugno 2005 da Robert Kalin Chris Maguire e Haim Schoppik, cui si aggiunse successivamente Jared Tarbell. Gli introiti del sito derivano da 20 centesimi per ogni annuncio pubblicato, e dal 3,5% sul prezzo finale della compravendita[2].

Nel 2006 le vendite si aggiravano sui 170.000 dollari, mentre l'anno successivo salirono a 1,7 milioni, con 325.000 utenti registrati e 50.000 venditori[1]. Nel corso del 2008 il valore delle merci vendute attraverso Etsy si attestava tra i 10 e i 13 milioni di dollari al mese[3], mentre nel 2010 la community si aggirava sui 5 milioni di utenti, con 724 milioni di visite mensili al sito[4].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Where the Crafts Babes and D.I.Y. Dudes Are - New York Times
  2. ^ Handmade 2.0 - New York Times
  3. ^ Etsy Crafts a Recession Success - eMarketer
  4. ^ Etsy spopola sul Web ecco il Pil dei dilettanti - Repubblica.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]