Equal justice under law

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La facciata del Palazzo della Corte Suprema, incluso il frontone occidentale.

«Equal justice under law» (inglese: «Uguale giustizia ai sensi della legge») è una frase incisa sulla facciata del Palazzo della Corte Suprema degli Stati Uniti a Washington. Il motto è stato apparentemente apposto nel 1932 dallo studio di architettura che progettò l'edificio; il presidente della Corte Suprema Charles Evans Hughes approvò successivamente tale iscrizione, così come fece la commissione per il palazzo della Corte Suprema degli Stati Uniti, presieduta da Hughes stesso. Lo studio di architettura artefice della frase è stato guidato da Cass Gilbert.

Le parole "Equal Justice Under Law" parafrasano apparentemente un'espressione precedentemente coniata dal "Capo Giustizia", Melville Weston Fuller.[1] Nel caso Caldwell vs. Texas nel 1891, Fuller scrisse del Quattordicesimo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti come segue:

« Secondo il Quattordicesimo Emendamento, i poteri degli Stati di fronte a crimini entro i propri confini non sono limitati, ma nessuno Stato può privare particolari cittadini o gruppi di cittadini di equa e imparziale justizia di fronte alla legge. »
([2])

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Peccarelli, Anthony. "The Meaning of Justice", DuPage County Bar Association Brief (March 2000).
  2. ^ Caldwell v. Texas, 137 U.S. 692 (1891).
Stati Uniti d'America Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Stati Uniti d'America