Enrico Uziel

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Enrico Uziel (Venezia, 13 ottobre 1842Palermo, 28 maggio 1860) è stato un patriota italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Il veneziano Enrico Uziel era figlio del commercianti ebreo Aronne Uziel,[1] partì per Quarto con il cugino Davide Cesare Uziel.

Il 5 maggio 1860 si imbarcò non ancora diciottenne con la spedizione dei Mille. Animato da uno spiccato fervore combattivo, fu scelto da Giovanni Acerbi per la spedizione al forte di Talamone, i suoi compagni furono: Ippolito Nievo, Romeo Bozzetti, Enrico Eugenio Richiedei ed altri. I quattro diventarono poi inseparabili compagni d'azione come testimoniano dei resoconti scritti del Bozzetti.

Morì a Palermo il 28 maggio 1860[2] assieme a Enrico Eugenio Richiedei colpito da una delle ultime cannonate prima della resa dei napoletani.[3]

Nell'elenco ufficiale dei partecipanti all'impresa, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia del 12 novembre 1878, lo si trova al numero 1031.[4]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Isacco Artom e gli Ebrei italiani dai risorgimenti al fascismo
  2. ^ Morte du Uziel e Richiedei
  3. ^ Morte di Uziel e Richiedei su:"Edizione nazionale delle opere di Giuseppe Cesare Abba: Scritti garibaldini"
  4. ^ Elenco Garibaldini

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]