Emund di Svezia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Emund di Svezia
Re di Svezia
Stemma
In carica 1050 –
1060
Predecessore Anund Jacob di Svezia
Erede Anund Emundsson
Successore Stenkil di Svezia
Nome completo Emund den gaml
Nascita 1000 circa
Morte 1060
Dinastia Dinastia di Munsö
Padre Olof III di Svezia
Madre Edla di Venden
Consorte Astrid Njalsdotter
Figli Anund Emundsson, Ingvar

Emund il Vecchio (... – 1060) fu re di Svezia dal 1050 al 1060[1].

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio di Olof il Tesoriere e fratellastro di Anund Jacob, deve il suo soprannome " il Vecchio" dal fatto che il suo regno termino all'età di 50 anni[2].

Insieme al re di Danimarca Sweyn Estridsson, Emund stabili il primo trattato di frontiera tra la Danimarca e la Svezia.

Emund fu l'ultimo re della linea dinastica principale della Dinastia di Munsö. Il Gesta Hammaburgensis Ecclesiae Pontificum di Adamo di Brema riporta che suo figlio morì mentre conduceva un attacco alla Terra Feminarum (la Terra delle femmine, probabilmente una mistraduzione di Kænland, regione individuabile con l'odierna Norrbotten o con l'Ostrobotnia), attacco conclusosi con la sconfitta delle forze svedesi.

Non avendo più discendenti maschi, Emund succedette suo genero, Stenkil di Svezia, già jarl del Västergötland.

La Hervarar saga riporta che Emund fu re solo per breve tempo:

Eymundr hét annarr sonr Óláfs sænska, er konungdóm tók eptir bróður sinn. Um hans daga heldu Svíar illa kristnina. Eymundr var litla hríð konungr[3].

Olof Skötkonung ebbe un altro figlio di nome Emund, che salì al trono dopo suo fratello. In quei giorni gli svedesi rifiutavano la religione cristiana, ma fu re solo per poco tempo[4].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (SV) Emund, wedish Museum of National Antiquities. URL consultato l'11 agosto 2014.
  2. ^ (SV) Maj Odelberg, Vikingatidens ABC, Swedish Museum of National Antiquities, 1995, ISBN 91-7192-984-3.
  3. ^ (NO) Guðni Jónsson e Bjarni Vilhjálmsson, XV. KAPÍTULI in Hervarar saga ok Heiðreks.
  4. ^ (EN) Snorri Sturluson, The Saga of Hervör and Heithrek in Stories and Ballads of the Far Past: Translated from the Norse (Icelandic and Faroese) with Introductions and Notes, curatore N. Kershaw, Cambridge University Press, 1921.
Predecessore Re di Svezia Successore Flag of Sweden.svg
Anund Jacob 1050 - 1060 Stenkil