Emicrania oftalmica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Emicrania oftalmica
Codici di classificazione
ICD-9-CM (EN) 346.0
ICD-10 (EN) G43.81

L'emicrania oftalmica è una patologia conseguente alla vasocostrizione dei condotti ematici dell'apparato visivo. Può essere causato da semplici vizi refrattivi non corretti (miopia, ipermetropia o astigmatismo) oppure da patologie oculari che rendono difficoltosa la visione (quali la cataratta); però può anche avere un'origine di altro tipo (ad esempio, infiammazione del nervo trigemino).

Sintomi[modifica | modifica wikitesto]

1ª fase: aura perdita della percezione della distanza dagli oggetti; 2ª fase: emicrania acuta localizzata, perdita di sensibilità al palato e alle dita delle mani, nausea, disturbi del linguaggio, vomito nelle crisi particolarmente forti;

Durata complessiva della patologia[modifica | modifica wikitesto]

Dai 20 minuti a oltre le 4 ore.

Possibili cause scatenanti[modifica | modifica wikitesto]

Stress, ansia, nervosismo, alimentazione.

Terapia sintomatica[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio della prima fase assumere caffè amaro (permette una rapida vasodilatazione ridimensionando l'emicrania) accompagnato da analgesico.

Precauzioni[modifica | modifica wikitesto]

Contattare il medico generico e, eventualmente, richiedere visita neurologica presso centro emicranie, visita oculistica e risonanza magnetica.