Elbert Hubbard

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Elbert Hubbard

Elbert Green Hubbard (Bloomington, 19 giugno 1856RMS Lusitania, 7 maggio 1915) è stato uno scrittore, filosofo e artista statunitense.

Vita[modifica | modifica sorgente]

(EN)
« A friend is someone who knows all about you and still loves you »
(IT)
« Un amico è uno che sa tutto di te e nonostante questo gli piaci »
(Elbert Hubbard)

Nato a Bloomington, nello stato statunitense di Illinois, i suoi genitori furono Silas Hubbard e Juliana Frances Read. Si trasferì con la famiglia a Buffalo, stato di New York, e successivamente a Hudson, stato dell'Illinois,[1] seguendo il lavoro del padre.

Chiamato Bertie dalla sua famiglia, Elbert aveva tre sorelle minori: Mary, Anna Mirenda, e Honor[2] Nel 1895 fonda la Roycroft, un'associazione di artigiani e artisti che fanno parte dell'Arts and Crafts, in East Aurora, New York. Il giornale del movimento, il Roycroft Press, era ispirato al Kelmscott Press di William Morris.[3] Aveva anche due riviste, The Philistine e The Fra. Sposò Alice Moore Hubbard. Raggiunse il successo editoriale per caso, scrivendo "Messaggio per Garcia" come riempitivo della sua rivista The Philistine nel febbraio del 1899[4], poi ristampato come libro vendette oltre 40.000.000 di copie nel mondo[5].

Morì a bordo della RMS Lusitania, al largo dell'Irlanda, il 7 maggio del 1915 quando alle ore 14:10 la nave venne silurata dal sommergibile tedesco U-20 per aver forzato il blocco navale dei tedeschi. Ernest C. Cowper, uno dei sopravvissuti, scrisse al figlio maggiore di Hubbard che Elbert e Alice si rifiutarono di separarsi per salire sulle scialuppe e si chiusero in una cabina per morire insieme.[6]

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • The Song Of Songs (1895)
  • A Message To Garcia (1899)
  • Time And Chance (1899)
  • Kipling’s Barbaric Yawp (1899)
  • So Here Cometh White Hyacinths (1907)
  • Man Of Sorrows (1908)
  • Health And Wealth (1908)
  • Who Lifted The Lid Off Hell? (1915)

Elbert Hubbard al cinema[modifica | modifica sorgente]

Alcune delle opere di Hubbard vennero adattate per lo schermo e il suo nome appare tra gli sceneggiatori. Nei documentari sulla fine del Lusitania appare anche Hubbard, citato in alcuni filmati di archivio.

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Champney, Freeman. Art & Glory: The Story of Elbert Hubbard, pag 7. Kent State University Press, 1983. ISBN 0873382951.
  2. ^ Champney, Freeman. Art & Glory: The Story of Elbert Hubbard, pp. 11-12. Kent State University Press, 1983. ISBN 0873382951.
  3. ^ Gallimore, Andrew (2006). Occupation: Prizefighter The Freddie Welsh Story. Bridgend: Seren. p. 159. ISBN 978-1-85411-395-5.
  4. ^ Libri Inediti Heinlein Gurdjieff Utopismo: Elbert Green Hubbard
  5. ^ Russel Ash,The top ten of everything 2002, DKadult 2001
  6. ^ Elbert Green Hubbard tra business, utopia e buon senso in Messaggio per Garcia e altri sette scritti. Casa Editrice AH!- Fabrizio Ponzetta Editore. ISBN 978-88-97636-10-6.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 45505603 LCCN: n81090312