Edetani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Edetani o Sedetani[1] è il nome di un'antica popolazione iberica (pre-romana) che viveva nella Penisola iberica. La loro menzione più antica è forse quella di Ecateo di Mileto. Secondo Strabone i loro confini sono delimitati a nord dall'Ebro, a sud dai Bastetani e dagli Oretani. Secondo Claudio Tolomeo Caesaraugusta (Saragozza) è una città degli Edetani. Secondo Plinio erano edetane Liria, Valencia e Sagunto.[2]. Nella Seconda guerra punica Edeco assicura la sua fedeltà a Publio Cornelio Scipione[3], il quale, dopo la distruzione della città Edetana di Sagunto da parte di Annibale, la farà ricostruire e le darà cittadinanza romana.[1]

Statuetta in bronzo "Guerriero di Mogende"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Francesco Pellati, Edetani in Enciclopedia Italiana, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1932. URL consultato il 22 marzo 2015.
  2. ^ Marcello Zambelli, Liria in Ettore De Ruggieno (a cura di), Dizionario Epigrafico di Antichità Romane, 1859, p. 1414. URL consultato il 22 marzo 2015.
  3. ^ Polibio, Storie. Edizione integrale con testo greco a fronte, a cura di Roberto Nicolaci, Grandi Tascabili Economici Newton, 1998, ISBN 88-8183-996-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]