Delirium Tremens (birra)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Delirium Tremens
Delirium Tremens.jpg
Tipo di birra Tripel
Nazione Belgio Belgio
Gradazione alcolica 9% vol.
Gusto Amaro, maltato
Colore Chiara
Tipo di fermentazione alta
Temperatura di servizio 8°/12°
Sito www.delirium

La Delirium Tremens è una birra chiara belga, prodotta dall'industria della birra Huyghe a Melle.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Delirium Tremens è stata lanciata il 26 dicembre 1989. La birra ha un volume d'alcool pari al 9% e richiede tre diversi lieviti. È stata prodotta in bottiglie di ceramica, facendo pensare alle ceramiche di Colonia. L'etichetta descrive le varie fasi di « delirium tremens ».

Al palato offre delle punte acute d'amarezza, e rivela al naso un profumo maltato stupefacente. La sua conclusione si combina con un tono amaro e pepato senza alcuno tasto d'aggressività.

Nel 1992, la Confrerie de l'Eléphant Rose (Confraternita dell'elefante rosa) è stata creata per promuovere la Delirium Tremens ed altre birre di Melle.

Premi ottenuti[modifica | modifica wikitesto]

La Delirium Tremens nel 1998, ha ricevuto la nomination al Best Beer in the World e è World Beer Championships (Campione del mondo delle birre) a Chicago nell'Illinois negli Stati Uniti d'America[1][2]. Stuart Kallen ha creato il primo spot nel The 50 Greatest Beers in the World (Le 50 birre migliori nel mondo).[3]

Birre Stagionali e Birre Speciali[modifica | modifica wikitesto]

  • Delirium Noël (10% vol.)
  • Delirium Nocturnum (9% vol.)
  • Delirium Ultimum (vol. sconosciuto - prodotta nel 1999)
  • Delirium Millennium (vol. sconosciuto - prodotta nel 2000)
  • Delirium Christmas (10% vol.- prodotta dal 2006)
  • Le Guillotine (10% vol.- prodotta nel 2009)
  • Delirium Red ((8.5% vol.) - Aromatizzata alla ciliegia

Galleria[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "A Welcome Home", Fritz Hahn, The Washington Post, 10 January 2003.
  2. ^ "Sip of the Week", Peter St. Onge, Charlotte Observer, 11 October 2006.
  3. ^ Stuart A. Kallen, The 50 Greatest Beers in the World, Replica Books, 1999. ISBN 0735100861, ISBN 978-0735100862

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

alcolici Portale Alcolici: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di alcolici