Cystoseira

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Cystoseira
Cystoseira 0004.JPG
Cystoseira sp.
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Chromista
Divisione Heterokontophyta
Classe Phaeophyta
Ordine Fucales
Famiglia Cystoseiraceae
Genere Cystoseira
Specie

Cystoseira è un genere di alghe brune appartenente all'ordine Fucales ed alla famiglia Cystoseiraceae. Il genere ha una distribuzione cosmopolita ma si trova principalmente nelle acque temperate dell'emisfero nord, soprattutto nel mar Mediterraneo e nell' oceano Pacifico e Indiano. Il tallo è suddiviso in ventosa, stipite e fronda.

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

Hanno aspetto arborescente o cespuglioso.
Il tallo presenta una struttura parenchimatosa, in cui le cellule si dividono in modo da formare una sorta di tessuto carnoso. È costituito da un asse principale da cui si dipartono degli assi secondari ramificati. L'accrescimento è apicale. Anteridii e oogoni si trovano all'interno di concettacoli fertili chiamati ricettacoli. È suddiviso in ventosa, stipite, fronda e pneumatocisti.

Ventosa[modifica | modifica sorgente]

Ha una forma discoidale a sezione triangolare ed è costituito da piccoli rizoidi che l'alga utilizza per attaccarsi al substrato roccioso.

Stipite[modifica | modifica sorgente]

Lo stipite può essere paragonato per le sue funzioni al tronco delle piante: permette all'alga di mantenersi eretta e trasporta i prodotti del metabolismo e i nutrienti. Ha una forma triangolare.

Fronde[modifica | modifica sorgente]

Sono disposte radialmente lungo lo stipite e costituiscono la parte più evidente del tallo e quella maggiormente interessata dai processi fotosintetici. In essa quindi sono presenti molti cloroplasti e mitocondri.

La loro colorazione va dal nero (C. crinita), al bruno-rossastro (C. barbata), al bruno-giallastro (C. compressa), talora con riflessi iridescenti bluastri (C. mediterranea).

Pneumatocisti[modifica | modifica sorgente]

Sono delle strutture sferiche o ellissoidali piene d'aria che permettono il galleggiamento della pianta. Si trovano generalmente nella porzione apicale del tallo.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Cystoseira 0001.JPG

È un genere cosmopolita, anche se è più abbondante nei mari temperati dell'emisfero nord. Nel mar Mediterraneo segna il confine tra il piano mesolitorale e quello infralitorale.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Il genere è compreso nella classe Phaeophyta (alghe brune) e nell'ordine Fucales.

Vi appartengono circa 50 specie:

Cystoseira 0003.JPG


Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Mojetta A., Ghisotti A, Flora e Fauna del Mediterraneo, Mondadori, 2003, ISBN 88-04-38574-X.
  • (EN) Cystoseira osmundacea in Marine Botany, Monterey Bay Flora. URL consultato l'11-10-2007.
  • (EN) M.D. Guiry, G.M. Guiry, AlgaeBase version 4.2, World-wide electronic publication, National University of Ireland, Galway. URL consultato l'11 ottobre 2007.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica