Cultura di Tlatilco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Due figure di Tlatilco risalenti al 1000 - 800 a.C.

La cultura di Tlatilco è una civiltà che fiorì nella valle del Messico tra il 1250 a.C. e l'800 a.C.,[1] durante il periodo formativo iniziale. Tlatilco, Tlapacoya, e Coapexco sono i più importanti siti archeologici costruiti da questa cultura.

La cultura di Tlatilco mostra un certo schema evolutivo rispetto alle civiltà precedenti della zona, con costruzioni più complicate, occupazioni specifiche, e strutture sociali stratificate. In particolare, lo sviluppo di chiefdom a Tlatilco e Tlapacoya è una caratteristica che spicca nella cultura di Tlatilco.

In questo periodo vi fu un incremento dei commerci a distanze maggiori, specialmente riguardanti materiale come ferro, ossidiana, e giada. Il commercio facilitò l'entrata di influenze olmeche nella cultura e spiega i ritrovamenti di ceramiche in stile Tlatilco a Cuautla, a circa 150 km di distanza a sud.[2]

Definizione della cultura di Tlatilco[modifica | modifica sorgente]

L'"Acrobata", arte in ceramica proveniente da Tlatilco, datata 1200-900 a.C. Il ginocchio sinistro della figura ha un buco che permette di versare liquidi.

Archeologicamente l'arrivo della cultura di Tlatilco viene denotato dalla diffusione di convenzioni artistiche, ceramiche, e vasellame conosciuti come Orizzonte Presto, l'orizzonte archeologico più antico in mesoamerica.[3]

Nello specifico, la cultura di Tlatilco è definita dalla presenza di:[4]

  • Ceramiche rituali e utilitarie.
  • Figurine che rappresentano umani e animali in maniera stilizzata.
  • Maschere di argilla e altri oggetti rituali esotici.
  • Sepolture con offerte ai morti.
  • Decorazioni in stile olmeco, motivi, disegni, e figurine come le figure che rappresentano facce di bambini o gli adulti con costumi in stile pilli.

Fasi[modifica | modifica sorgente]

Christine Niederberger Betton, durante il suo studio presso la Valle del Messico nel 1987, identificò due fasi della cultura di Tlatilco:

  • Fase Ayotla, 1250 - 1000 a.C.
  • Fase Manantial, 1000 - 800 a.C.

Tra queste fasi, attorno al 1000 a.C., c'è un cambio drastico nello stile delle ceramiche: le figurine di uomini in costume vengono sostituite con donne nude, e l'iconografia derivata da quella olmeca si evolve in aspetti che rispecchiano quelli nativi, che riflettono un cambio idee e pratiche religiose.[5]

A partire dall'800 a.C., i segni della cultura di Tlatilco cominciano a sparire dalla zona. A partire dal 700 a.C., Cuicuilco diventò il centro maggiore nella Valle del Messico.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Queste date, riportate da Diehl e Bradley e Joralemon, sono in ottenute con il metodo del carbonio-14. Cronologicamente la cultura di Tlatilco fiorì dal 1450 a.C. al 900 a.C. (Pool, p. 7).
  2. ^ Grove parla di ceramiche "identiche a certi manufatti associati a luoghi di sepoltura a Tlatilco" (p. 62).
  3. ^ Pool, p. 181.
  4. ^ Diehl, p. 153-160.
  5. ^ Bradley e Joralemon, p. 28, e Pool, p. 206.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

conquista spagnola delle Americhe Portale Conquista spagnola delle Americhe: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di conquista spagnola delle Americhe