Contenzioso tra Liechtenstein e Guatemala

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il caso Nottebohm (Liechtenstein v. Guatemala) è stato un contenzioso sottoposto alla Corte Internazionale di Giustizia aperto nel 1951 ed arrivato a sentenza nel 1955. Il Liechtenstein chiedeva che il Guatemala fosse costretto a riconoscere Friedrich Nottebohm suo cittadino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nottebohm nasce cittadino tedesco il 16 settembre 1881 ad Amburgo. Vive in Guatemala dal 1905 al 1943 ma non ne assume mai la cittadinanza. Il 9 ottobre 1939, Nottebohm diventa cittadino del Liechtenstein. Quindi ritorna in Guatemala con il passaporto del Liechtenstein e informa il governo locale del suo cambio di cittadinanza. Quando cerca di entrare nel paese nel 1943, tuttavia, gli viene rifiutato l’accesso in quanto nemico, poiché considerato ancora tedesco (nel frattempo il Guatemala si era schierato al fianco degli Stati Uniti d'America nella Seconda guerra mondiale). Estradato negli USA, è imprigionato fino alla fine della guerra, mentre i suoi beni sono confiscati. Dopo il rilascio, vive il resto della sua vita in Liechtenstein.

Implicazioni nel diritto internazionale[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]