Chiesa di San Giustino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 41°52′25.98″N 12°34′49.04″E / 41.873883°N 12.580288°E41.873883; 12.580288

San Giustino
M7 Q23 Alessandrino - s Giustino 1150218.JPG
Stato Italia Italia
Regione Lazio
Località Roma
Religione cattolica
Diocesi Diocesi di Roma
Consacrazione 29 maggio 1953
Completamento 1953
Interno della chiesa

La chiesa di San Giustino martire è una chiesa di Roma, nel quartiere Alessandrino, in viale Alessandrino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Essa fu costruita nel 1953 su progetti dell’architetto Francesco Fornari, e consacrata dal cardinale Clemente Micara il 29 maggio di quell’anno.

La chiesa è sede parrocchiale, istituita dal cardinale vicario Clemente Micara il 10 giugno 1953 con il decreto Pervigili cura. Alla chiesa è legato il titolo cardinalizio di San Giustino, istituito da Giovanni Paolo II nel 2003.

La chiesa fu visitata da papa Giovanni Paolo II il 14 novembre 1982.

Arte[modifica | modifica wikitesto]

Esternamente la chiesa si presenta con un porticato, affiancato da un alto campanile. Nella parte superiore della facciata è inserita una finestra crociata. Sotto il porticato, sopra la porta d’ingresso, è posto lo stemma di papa Giovanni XXIII, sotto il quale vi è la dedica della chiesa a Giustino martire.

L’interno dell’edificio è a forma di capanna, con tetto a capriate ed un’unica navata. Caratteristica è la Via crucis costituita da pannelli con bassorilievi in gesso. La navata termina con un arco trionfale, oltre il quale è posta l’abside abbellita da un affresco che raffigura San Giustino con discepoli sovrastato dalla figura di Cristo che regge il mondo. A fianco due mosaici raffiguranti i Simboli degli evangelisti.

Nelle cappelle laterali sono poste alcune statue di santi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • C. Rendina, Le Chiese di Roma, Newton & Compton Editori, Milano 2000
  • C. Cerchiai, Quartiere XXIII. Alessandrino, in AA.VV, I quartieri di Roma, Newton & Compton Editori, Roma 2006

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]