Cheteni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Struttura generale di un chetene.

I cheteni sono una classe di composti organici studiati per la prima volta dal chimico tedesco Hermann Staudinger aventi come formula di struttura R'R''C=C=O.[1] L'etenone è il più semplice dei cheteni (dove R' ed R'' sono atomi di idrogeno) e ne rappresenta quindi la molecola capostipite.

Sintesi[modifica | modifica wikitesto]

I cheteni possono essere ottenuti a partire da un cloruro acilico sfruttando l'eliminazione di acido cloridrico per trattamento con una base (B).

Mecanisme-de-la-formation-des-cetenes.png

La base utilizzata per strappare l'idrogeno α è solitamente la trietilammina. I cheteni si ottengono anche dopo riarrangiamento di Wolff di α-diazochetoni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) IUPAC Gold Book, "ketenes"

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia