Chemiotropismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il chemiotropismo è un movimento di curvatura o di orientamento (sviluppo di radici, di ife fungine, di tubetti pollinici) che avviene nelle piante in risposta a stimoli chimici quali sostanze chimiche gassose o disciolte nell'acqua[1].

Classificazione[modifica | modifica sorgente]

Allorché la sostanza chimica non è diffusa uniformemente nel mezzo, si può avere un chemiotropismo (di curvatura o di orientamento):

  • positivo : la sostanza chimica esercita un'attrazione tale che la curvatura è verso la concentrazione più alta
  • negativo : la sostanza esercita una repulsione tale che la curvatura è verso la concentrazione più bassa

Esempi[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Eduard Strasburger et al., Trattato di botanica, «Il chemiotropismo». VI edizione italiana, Milano : Vallardi, 1973, p. 376-377
  2. ^ Una proteina per la riproduzione delle piante, Le Scienze 17 dicembre 2003 (on-line)
  3. ^ «Idrotropismo». In : Vocabolario Treccani (on-line)
  4. ^ Eapen D, Barroso ML, Ponce G, Campos ME, Cassab GI (January 2005). "Hydrotropism: root growth responses to water". Trends Plant Sci. 10 (1): 44–50. DOI: 10.1016/j.tplants.2004.11.004, PMID 15642523
botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica