Champ

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pupazzo che rappresenta Champ

Champ è un'ipotetica creatura lacustre che vivrebbe nel lago Champlain. A tutti gli effetti l’equivalente americano di Nessie, il mostro che abita il Loch Ness, famoso lago scozzese.

Habitat[modifica | modifica sorgente]

Champ, come Nessie, prende il nome dal lago che lo ospiterebbe, che attraversa lo stato di New York, il Vermont e il Quebec è molto profondo e ricco di pesci.

Storia degli avvistamenti[modifica | modifica sorgente]

Descritto come un serpente cornuto lungo da otto a dieci piedi (2.4 - 3.0 m), e chiamato con il nome di Chaousarou, il mostro del lago era citato nelle leggende degli indiani Irochesi già da secoli prima dell’arrivo degli europei. Il primo europeo ad sostenere di averlo avvistato fu Samuel de Champlain, che darà poi il nome al lago. In una cronaca del 1609 de Champlain avrebbe citato la creatura come "lungo cinque piedi [1.5 m], spesso come la coscia di un uomo e con scaglie grigio-argentee impenetrabili da un pugnale". Il de Champlain ipotizzò che si trattasse di un gigantesco lepidosteo, primitivo pesce predatore nordamericano, coperto di scaglie dure e con mascelle allungate e denti aghiformi.

Nel 1883 rincominciarono gli avvistamenti; un gruppo di operai che lavoravano alla ferrovia vide sbucare dall’acqua un enorme rettile e fuggì terrorizzato, mentre a luglio dello stesso anno fu Nathan H. Mooney, sceriffo della zona, a vedere il mostro descrivendolo come un serpente lungo 10 metri. Ad agosto poi un battello a vapore andò a sbattere contro Champ rischiando di capovolgersi e il mostro fu poi visto allontanarsi da molti passeggeri. Champ fu avvistato anche in altre occasioni e P.T. Barnum, il famoso imprenditore dello spettacolo, offri una ricompensa di 50000$ per chi avesse catturato o ucciso il mostro: premio che nessuno riuscì mai a ritirare.

Nel 1970 Champ fu visto da due passeggeri di un battello, infine nel 1977 fu visto da Sandra Mansi e il marito. La donna ha scattato la migliore foto del mostro, che pubblicò però solo nel 1980 per la paura di non essere creduta. Un ricercatore è convinto che la donna sia pazza o che abbia male interpretato il soggetto nella foto e secondo lui si tratterebbe di un tronco a galla, ma la spiegazione non convince affatto Sandra Mansi, che da allora è in forte dibattito con quell'uomo.

Ipotesi formulate[modifica | modifica sorgente]

Plesiosauro[modifica | modifica sorgente]

Champ come Nessie sembrerebbe assomigliare molto ad un plesiosauro. La foto di Sandra Masi a detta di molti scienziati è risultata infatti autentica e comunque non ritoccata.

Altre ipotesi[modifica | modifica sorgente]

Al contrario del Loch Ness, il lago Champlain è molto più favorevole alla possibile esistenza di plesiosauri, perché sembra che nel lago ci siano abbastanza pesci per poter sfamare una famiglia di mostri come Champ, pertanto la sua esistenza non è ancora stata del tutto esclusa dagli scienziati. Secondo alcuni potrebbe però essere un grande lepidosteo, come descritto dallo stesso Champilon, o una gigantesca anguilla.

Ricerche[modifica | modifica sorgente]

Joseph W. Zarzinski, fondatore di un gruppo di ricerca di Champ, scrive che le prove dell’esistenza del mostro sono scarse se confrontate con quelle del Loch Ness, ma nello stesso tempo ci sono anche abbastanza dati rilevanti che fanno ben sperare riguardo alla sua esistenza.[senza fonte]

Sonar[modifica | modifica sorgente]

Joseph W. Zarzinski e Jim Kennard, dei laboratori di ingegneria Rochester hanno utilizzato il sonar per cercare Champ il 3 giugno del 1979. Il risultato del loro lavoro è stato di riuscire ad individuare, con una lettura all'ecoscandaglio del lago, una massa lunga 10-15 piedi nelle acque sotto di loro.

Minisommergibili[modifica | modifica sorgente]

Se Champ verrà mai trovato il merito sarà soprattutto di Joseph W. Zarzinski che con il suo lavoro ha aperto la strada a ricerche sempre più tecnologiche, dal controllo della superficie al sonar e all’utilizzo di fotografie subacquee usando minisommergibili, con essi si spera di trovare una carcassa di Champ che proverebbe l’effettiva esistenza dell’animale senza bisogno di catturarne uno vivente.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Fonti web[modifica | modifica sorgente]

animali Portale Animali: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di animali