Ceramica selgiuchide

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Manufatto del periodo Iran-Selgiuchide, XIII secolo.

La ceramica selgiughide è stata prodotta durante l'Impero selgiuchide. Con la fine dello stesso, nel XIV secolo, l'Impero ottomano ne ereditò alcune delle tradizioni, specialmente ai primi tempi delle manifatture di Iznik.[1]

Sono riconosciute come ceramiche selgiuchidi quelle fabbricate secondo la tecnica Minai. Questa tecnica era basata sull'uso di sette colori, con il blu, verde e turchese, applicati sotto uno smalto trasparente e cotti in forno. Altri colori come giallo, rosso, bianco, nero e talvolta oro, venivano applicati dopo la prima cottura e sullo smalto, per essere poi nuovamente messi in forno a temperature più basse.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Mostra permanente dei Musei archeologici di Istanbul