Casellario giudiziale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il casellario giudiziale (detto anche casellario giudiziario), nell'ordinamento giuridico italiano, è uno schedario istituito presso la Procura della Repubblica di ogni tribunale ordinario della Repubblica italiana, con lo scopo di raccogliere e conservare gli estratti dei provvedimenti dell'autorità giudiziaria o amministrativa, in modo tale che sia sempre possibile conoscere l'elenco dei precedenti penali e civili di ogni cittadino.

Inquadramento[modifica | modifica sorgente]

Tutti i casellari giudiziali locali (ovvero quelli relativi ai singoli tribunali) fanno capo a un casellario centrale presso il Ministero della Giustizia. In base alle informazioni contenute nel casellario, l'ufficio competente rilascia certificati su richiesta delle autorità giudiziarie e amministrative o dei singoli privati. Questi ultimi in particolare possono richiedere solo i propri certificati.[1]

Tipologia[modifica | modifica sorgente]

I certificati rilasciati dal casellario giudiziario si dividono in due categorie:

  • certificati del Casellario (generale, penale, civile), che attestano l’esistenza o meno di condanne passate in giudicato
  • certificati dei carichi pendenti, che attestano l’esistenza di procedimenti penali in corso.

Il certificato dei carichi pendenti si può richiedere solo all'ufficio della Procura della Repubblica in cui si è residenti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Glossario. Ministero della Giustizia.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]