Calico (Contea di San Bernardino)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Contea di San Bernardino (California, Stati Uniti): veduta panoramica della città fantasma di Calico
Calico
città
Calico – Veduta
Localizzazione
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Stato federato Flag of California.svg California
Contea San Bernardino
Territorio
Coordinate 34°56′56″N 116°51′51″W / 34.948889°N 116.864167°W34.948889; -116.864167 (Calico)Coordinate: 34°56′56″N 116°51′51″W / 34.948889°N 116.864167°W34.948889; -116.864167 (Calico)
Abitanti
Altre informazioni
Fuso orario UTC-8
Cartografia
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Calico
Resti di un saloon a Calico
Altro edificio a Calico
Resti di attrezzi per minatori a Calico

Calico è una città fantasma della contea di San Bernardino, nel sud della California, situata nell'area delle Calico Mountains. Fu un centro minerario tra la fine del XIX e l'inizio del XX secolo.[1]

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Calico si trova a 18 km[1] a nord-est di Barstow[1][2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Calico si sviluppò come centro minerario a partire dalla fine del XIX secolo[1], dopo che 6 aprile 1881, fu rinvenuto, da parte di, S. C. Wardan, Hues Thomas e John C. King[3] l'argento nelle Calico Mountains[1][3] L'apertura della miniera, chiamata Silver King Mine.263[3], in seguito venduta per 300.000 dollari ad una compagnia di San Francisco[3], fece giungere nella zona centinaia di minatori[1].

Lo sviluppo di Calico conobbe quindi un ulteriore slancio due anni dopo con la scoperta del borace a 5 km ad est della città.[1]

Le miniere di Calico producevano argento per un valore compreso tra i 13.000.000 e i 20.000.000 di dollari.[3]

Se quindi nella primavera del 1882, Calico contava solamente 100 abitanti, nella seconda parte degli anni ottanta del XIX secolo, Calico conobbe un incremento demografico che la portò a raggiungere i 1.200 abitanti[1] (mentre 22 erano i saloon[1]).

Agli inizi del nuovo secolo, però, a causa della caduta del prezzo dell'argento e l'esaurimento dei giacimenti di borace, la città fu abbandonata dai minatori.[1] Già nel 1907, si presentava così come una città fantasma.[1]

Il recupero della città avvenne all'inizio degli anni cinquanta, con un'opera di restauro intrapresa da Walter Knott.[1]

La città fantasma[modifica | modifica wikitesto]

Gli edifici che si possono ammirare nella città fantasma di Calico sono in parte originali, in parte ricostruiti.[1]

Ai visitatori viene data la possibilità di fare un giro della miniera con i vagoncini e di visitare il giacimento d'argento di Maggie Mine.[1]

tleftcenter leftcenter

Luoghi d'interesse nei dintorni[modifica | modifica wikitesto]

Calico Early Man Site[modifica | modifica wikitesto]

A 16 km ad ovest di Calico, si può visitare il Calico Early Man Site, un sito archeologico con utensili dei primi abitanti del Nord America.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o A.A.V.V., California, Dorling Kindersley, London, 1997 - Mondadori, Milano, 1997-2001, p. 275
  2. ^ A.A.V.V., California, cit., p. 272
  3. ^ a b c d e Calico Ghost Town Mining History su Digital Desert

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]