Bozzetto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Bozzetto (disambigua).

Nelle arti visive e scenografiche il bozzetto (più raramente chiamato abbozzo) è un modello non rifinito dell'opera, eseguito in scala più piccola.

Il più antico esempio di bozzetto artistico risale agli ossi graffiti rintracciati nelle caverne neolitiche con struttura e forma uguale a quelli disegnati sulle pareti.

In epoca storica, i codici miniati furono spesso utilizzati come disegni preparatori. Particolare interesse rivestono i bozzetti eseguiti da grandi maestri, trasformati in opera finita grazie all'apporto di collaboratori che in qualche misura ne alteravano lo stile. Ecco quindi un altro significato artistico del bozzetto: quello dell'opera nella sua fase più autentica. Di qui la rivalutazione critica che in tempi moderni hanno incontrato gli abbozzi di alcuni artisti come Michelangelo e Rubens. Il caso più clamoroso rimane tuttavia quello del Canova, nella cui produzione esiste un'enorme divergenza fra le caratteristiche dei bozzetti e quelle delle opere finite, tale da creare due poetiche, la prima più vibrante e fantasiosa, l'altra più fredda e letteraria.[1]

Nel campo della scenografia, per bozzetto s'intende il quadro a colori destinato ad essere realizzato a tre dimensioni sul palcoscenico.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Le Muse, De Agostini, Novara, 1964, Vol. II, p. 393.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]