Belli e perdenti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Belli e perdenti
Titolo originale Beautiful Losers
Autore Leonard Cohen
1ª ed. originale 1966
1ª ed. italiana 1972
Genere romanzo
Lingua originale inglese

Belli e perdenti (Beautiful Losers) è il titolo del secondo romanzo di Leonard Cohen, pubblicato nel 1966.

La storia della santa Mohawk Kateri Tekakwitha si intreccia con la storia di un triangolo amoroso tra un folklorista canadese senza nome, sua moglie Edith, nativa americana morta suicida, e il suo migliore amico F, parlamentare e a capo di un movimento separatista del Québec, che muore dopo che è rinchiuso in un istituto per malati di mente.

Genesi e ricezione[modifica | modifica sorgente]

Leonard Cohen scrisse il romanzo tra il 1964 e il 1965 mentre viveva sull'isola greca di Idra, digiunando e facendo uso di anfetamine per concentrare la sua creatività sul romanzo. Nonostante una grande campagna promozionale, le vendite furono deludenti e i critici inizialmente ostili. Il libro ha ricevuto attenzione dai critici e dal pubblico solo dopo che Cohen ha rinunciato alla carriera di scrittore e si è imposto come cantautore. Oggi il romanzo è considerato il capostipite della letteratura postmoderna canadese, ed è considerato parte del canone letterario canadese.

Edizioni[modifica | modifica sorgente]