Anfetamina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Anfetamina
formula di struttura
modello a calotta
Nome IUPAC
(RS)-2-ammino-1-fenilpropano
Nomi alternativi
(±)-α-metilfenetilammina
benzedrina
desossinorefedrina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C9H13N
Massa molecolare (u) 135,20622
Aspetto solido biancastro
Numero CAS [300-62-9]
Codice ATC N06BA01
PubChem 3007
DrugBank DB00182
SMILES CC(CC1=CC=CC=C1)N
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 0,913
Solubilità in acqua 50–100 mg/mL (16C°)
Temperatura di ebollizione 203 °C (476 K)
Dati farmacologici
Categoria farmacoterapeutica Psicofarmaco - Inibitori delle catecolamine
Modalità di
somministrazione
Orale, endovenosa, inalatoria, rettale, sublinguale
Dati farmacocinetici
Biodisponibilità nasale 75%; rettale 95–99%; endovenosa 100%
Metabolismo epatico (CYP2D6)[1]
Emivita 12h media per l'isomero d, 13h per l'isomero l
Escrezione Renale; significante porzione escreta come tale
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta
Frasi H 331 - 311 - 301 [2]
Consigli P --

L'anfetamina (o amfetamina) è un farmaco con proprietà anoressizzanti e psicostimolanti. Dal punto di vista farmacologico esso è un agonista indiretto del sistema catecolaminergico soprattutto a livello centrale, poiché è un substrato del trasportatore della dopamina (DAT) con la quale compete per il trasporto dallo spazio sinaptico al citoplasma. Inoltre inibisce il trasportatore vescicolare delle monoammine (VMAT), impedendo il riempimento delle vescicole sinaptiche. Questo causa un aumento della concentrazione citoplasmatica di dopamina e l'inversione dell'orientamento del DAT, con conseguente rilascio di dopamina ed anche di noradrenalina (NA) e serotonina (5-HT). Ha una discreta capacità inibitoria nei confronti delle monoammino ossidasi (MAO).

L'anfetamina ed i relativi derivati fanno parte di una più vasta classe di composti denominati fenetilamine.

È basica e poco solubile in acqua; si scioglie meglio in etanolo ed etere etilico. I sali sono invece facilmente solubili. Viene infatti generalmente prodotta e commercializzata sotto forma del suo sale solfato racemo. Come tale si presenta come una polvere cristallina bianca, ha formula bruta C18H26N2·H2SO4 e numero CAS 60-13-9.

L'anfetamina è uno stimolante sintetico usato per

  • sopprimere l'appetito;
  • controllare il peso;
  • trattamento di disturbi mentali e comportamentali compreso narcolessia e ADHD (sindrome da deficit di attenzione ed iperattività).

È inoltre usata come stupefacente e per l'aumento di prestazioni fisiche (doping). Questi usi sono illegali nella maggior parte dei paesi. È una droga comunemente usata.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'anfetamina fu sintetizzata nel 1887. L'uso medico sperimentale delle anfetamine è cominciato negli anni 1920. È stato introdotto nella maggior parte del mondo sotto forma di Benzedrina verso la fine degli anni venti.
Simpamina era il nome commerciale di un prodotto farmaceutico adrenergico derivato dall'anfetamina, prodotto dalla ditta Recordati e venduto in farmacia senza ricetta sino al 1972.

Abuso[modifica | modifica sorgente]

Nel suo uso illegale la forma più diffusa oggi è lo speed (dall'inglese "velocità"). Lo speed può essere formato da anfetammine, sostanze metanfetamminiche, anfetammino-simili come l'efedrina. Il suo colore varia dal bianco, al giallo, al rosa, al marrone chiaro e dipende soprattutto dalle impurità contenute nei solventi usati nel processo chimico di realizzazione della sostanza.

  • L'abuso dell'anfetamina causa una grave dipendenza psicologica.
  • L'abuso di lunga durata provoca esaurimento fisico e malnutrizione/denutrizione estrema fino alla cachessia e alla morte.

Dopo decenni di abuso, la FDA (Food and Drug Administration statunitense) ha vietato l'uso come stupefacente e l'ha limitata all'uso con prescrizione medica nel 1959. L'Italia è stata uno degli ultimi paesi europei a recepire la normativa. Oggi è invece fra le nazioni più restrittive e dopo il ritiro del Plegine nessun anfetaminico è in commercio.

Nella classifica di pericolosità delle varie droghe stilata dalla rivista medica Lancet, le anfetamine occupano l'ottavo posto.

Possibili effetti negativi sono disturbi cardiaci (tachicardia, battito cardiaco irregolare), perdita dell'appetito e del gusto, ipertensione, allucinazioni, insonnia e psicosi paranoide perduranti per giorni.

Intossicazione lieve

Intossicazione media

Intossicazione grave

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ E. Miranda-G, M. Sordo; AM. Salazar; C. Contreras; L. Bautista; AE. Rojas García; P. Ostrosky-Wegman, Determination of amphetamine, methamphetamine, and hydroxyamphetamine derivatives in urine by gas chromatography-mass spectrometry and its relation to CYP2D6 phenotype of drug users. in J Anal Toxicol, vol. 31, nº 1, pp. 31-6, PMID 17389081.
  2. ^ conversione automatica delle frasi R via DHI GHS/CLP Website

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]