Bass reflex

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bassreflex-Gehäuse (enclosure).png

Il bass reflex è una particolare tecnica di realizzazione dell'insieme "cassa acustica + altoparlante" consistente in un box di legno (antirisonanza) su quale viene progettata e realizzata una apertura, detta "raccordo del reflex" che permette di convogliare verso la parte anteriore anche il suono generato posteriormente dall'altoparlante.

Funzione e principio[modifica | modifica wikitesto]

Questo sistema consente di ottenere il corretto sfruttamento anche di quelle frequenze che altrimenti andrebbero a spandersi a caso nell'ambiente di ascolto, generando rimbombi o annullandosi con quelle anteriori; tale annullamento è dovuto alla natura costruttiva degli altoparlanti classici (membrana che si muove) che generano due suoni perfettamente identici, ma opposti (lato anteriore e lato posteriore), la sovrapposizione dei quali determina un abbattimento del suono man mano che la frequenza diminuisce (all'aumentare della frequenza, oltre i 200 Hz, l'abbattimento diventa trascurabile). Il tubo reflex non fa altro che rifasare il suono specialmente negli altoparlanti a sospensione in gomma , i woofer con sospensione in tela a volte non necessitano del tubo di rifasamento perché l'aria può uscire anche direttamente dalla sospensione con il piccolo svantaggio che la frequenza di accordo della cassa si alza un po'.

L'effetto di questo annullamento acustico può essere sperimentato facilmente avvicinando all'orecchio un qualsiasi altoparlante in aria libera e notando un incremento delle basse frequenze appena generate poiché ancora non si sono incontrate con quelle generate dal lato opposto.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la configurazione fisica utilizzata nella progettazione dell'insieme cassa/reflex, è possibile stabilire la curva di risposta del diffusore stesso, ovvero il range di frequenze riproducibili in modo lineare a partire dai 200 Hz fino ai 16 Hz che rappresentano il limite inferiore della gamma di udibilità dell'orecchio, limite in cui si spingono solo l'organo liturgico a canne e l'ottobasso.

Evidentemente la possibilità, per un diffusore reflex, di "scendere" tanto in basso nella riproduzione del suono dipende da vari fattori che incidono considerevolmente nelle dimensioni, nella potenza richiesta per "pilotare" i diffusori e naturalmente, nel costo.

Vantaggi[modifica | modifica wikitesto]

Il sistema di cassa acustica bass reflex, se ben progettato, permette di migliorare l'efficienza per le frequenze basse estendendo la risposta in frequenza dell'altoparlante.

Svantaggi[modifica | modifica wikitesto]

Normalmente il raccordo reflex, non essendo smorzato, peggiora la risposta nel dominio del tempo per le frequenze in cui esso agisce. Se la progettazione non è realizzata ad arte, le frequenze provenienti dal raccordo del reflex rischiano di non essere perfettamente "allineate" (in fase) con quelle emesse dalla parte anteriore del diffusore, comportando risonanze, rimbombi, perdita della limpidezza sonora, effetto "scatolare" con degenerazioni talvolta anche fastidiose. Considerando che in un diffusore bass reflex il cono dell'altoparlante non è smorzato, non va sottovalutato il rischio, in caso di cattiva progettazione, che l'aumento (esponenziale) dell'escursione del cono vibrante, possa causare la rottura dell'altoparlante.

Applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Oggi, praticamente tutti i diffusori acustici commerciali sono reflex, ma si tratta nella maggior parte dei casi di un reflex standard, senza particolare accuratezza progettuale, che però consente, a prezzi contenuti, sia di vendere casse piccole e molto efficienti, sia di risparmiare nell'amplificazione, essendo sufficienti pochi watt per sonorizzare un ambiente normale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

fisica Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di fisica