Bank charter act

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Bank Charter Act è una legge promulgata nel 1844 dal Parlamento del Regno Unito, che attribuì il potere di emettere banconote alla sola Banca d'Inghilterra in Inghilterra e Galles. Si assume che con quest'atto si giunga alla nascita del Gold standard del diciannovesimo secolo: infatti l'emissione di nuove banconote doveva essere coperta da un uguale ammontare d'oro. Sette banche private emettono ancora le proprie banconote denominate in sterline in Scozia e Nord Irlanda, tuttavia la maggior parte delle banconote emesse privatamente devono essere coperte da depositi mantenuti presso la Banca d'Inghilterra.

L'atto segnò la vittoria della teoria che riteneva l'emissione di nuove banconote una causa d'inflazione.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Regno Unito Portale Regno Unito: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Regno Unito