Antonio Hercolani Fava Simonetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Hercolani Fava Simonetti
Luogotenente Generale del Sovrano Militare Ordine di Malta
In carica 1951 - 1955
Nome completo Antonio Hercolani Fava Simonetti
Nascita Bologna, Italia, 22 gennaio 1883
Morte Bologna, Italia, 18 giugno 1962

Il conte Antonio Hercolani Fava Simonetti (Bologna, 22 gennaio 1883Bologna, 18 giugno 1962) fu luogotenente generale del Sovrano Militare Ordine di Malta dopo la scomparsa di Fra' Ludovico Chigi e per quattro anni nell'attesa che venisse eletto successore.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Antonio Hercolani nacque in seno ad una delle più nobili famiglie patrizie bolognesi. Entrato ancora giovane nell'Ordine, egli non professò mai gli ordini, ricoprendo incarichi diplomatici e istituzionali all'interno del Sovrano Militare Ordine di Malta.

Il 15 giugno 1912 a Bologna sposò Marianna Ghislieri Fava Simonetti, figlia del conte Alessandro Fava Ghislieri e di donna Isotta Simonetti dei principi di Musone. Fu grazie a questo matrimonio che Antonio Hercolani chiese il permesso di aggiungere al proprio cognome anche quello dei Fava Simonetti, permesso che ottenne con R.D. del 29 agosto 1921. Da questo matrimonio nacque un figlio, Filippo Rinaldo (1913-2002) il quale ebbe poi discendenza.

Alla morte del Gran Maestro Ludovico Chigi Albani della Rovere egli assunse temporaneamente la carica di Luogotenente Generale dell'Ordine nell'attesa dell'elezione di un suo successore, fatto che però non avvenne negli anni successivi ed egli decise pertanto nel 1955 di dimettersi per anzianità dalla propria carica istituzionale, nominando al proprio posto Ernesto Paternò Castello di Carcaci.

Morì a Bologna il 18 giugno 1962.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Balì di Gran Croce del Sovrano Militare Ordine di Malta - nastrino per uniforme ordinaria Balì di Gran Croce del Sovrano Militare Ordine di Malta
Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce decorato di Gran Cordone dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana
— 17 novembre 1954[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
Predecessore Luogotenente Generale del Sovrano Militare Ordine di Malta Successore Bandiera del Gran Maestro SMOM.jpg
Ludovico Chigi Albani della Rovere
Gran Maestro
1951 - 1955 Ernesto Paternò Castello di Carcaci