Amniotomia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Esculaap4.svg Amniotomia Esculaap4.svg
Procedura chirurgica
Tipo Ostetrica-ginecologica
Classificazione e risorse esterne
ICD-9 73.0

L'amniotomia è un intervento chirurgico di rottura delle membrane fetali di supporto indotta artificialmente da un ginecologo o un ostetrico utilizzato per indurre e accelerare il travaglio e il parto[1][2][3]. È nota anche con l'acronimo AROM, dall'inglese artificial rupture of membranes.

Sul suo uso abitudinario tuttavia i pareri sono discordi; sebbene sia stata utilizzata a lungo come intervento di routine, alcuni studi recenti suggeriscono che l'uso vada limitato a particolari situazioni cliniche[2][3][4]. L'amiotomia risulta ottimale quando la dilatazione del collo dell'utero supera i 5 cm e la testa è ben posizionata; favorisce inoltre l'efficacia dell'ossitocina sulle contrazioni uterine. Può essere indicata, invece, in caso di sofferenza fetale e di parto distocico[2].

L'accelerazione del parto dovuta ad amniotomia è rilevante nelle multipare, meno nelle nullipare. Dall'altra parte l'uso dell'amniotomia aumenta leggermente il rischio di infezioni intrauterine e può essere associata a bradicardia del cuore fetale per prolasso del funicolo ombelicale[2]. Ha invece un ruolo modesto nel ridurre l'incidenza di parti cesarei da sola[5] o con somministrazione di ossitocina[6]; il rischio è invece equiparabile a quello dovuto a somministrazione di prostaglandina E2[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Definizione di amniotomia. URL consultato il 4 luglio 2013.
  2. ^ a b c d Gibbs, pp. 442-4, 2008.
  3. ^ a b Smyth RM, Alldred SK, Markham C, Amniotomy for shortening spontaneous labour in Cochrane Database Syst Rev, vol. 1, 2013, pp. CD006167, DOI:10.1002/14651858.CD006167.pub3, PMID 23440804.
  4. ^ (DA) Storgaard L, Uldbjerg N, [The use of amniotomy to shorten spontaneous labour. A survey of a Cohrane review] in Ugeskr. Laeg., vol. 171, nº 47, novembre 2009, pp. 3438–40, PMID 19925730.
  5. ^ a b Jozwiak M, Bloemenkamp KW, Kelly AJ, Mol BW, Irion O, Boulvain M, Mechanical methods for induction of labour in Cochrane Database Syst Rev, vol. 3, 2012, pp. CD001233, DOI:10.1002/14651858.CD001233.pub2, PMID 22419277.
  6. ^ Wei S, Wo BL, Qi HP, et al., Early amniotomy and early oxytocin for prevention of, or therapy for, delay in first stage spontaneous labour compared with routine care in Cochrane Database Syst Rev, vol. 9, 2012, pp. CD006794, DOI:10.1002/14651858.CD006794.pub3, PMID 22972098.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Zanoio, Ginecologia e ostetricia, Elsevier, 2007, ISBN 88-214-2730-7.
  • Ronald Steven Gibbs, Danforth's Obstetrics and Gynecology, Lippincott Williams & Wilkins, 2008, ISBN 07-817-6937-X.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina