Abisag

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Abisag (in ebraico אביסאג, "Padre divino"; ... – ...) è un personaggio biblico dell'Antico Testamento.

Era di Sunem, un villaggio della tribù di Issachar (Giosuè, 19,18).

Abisag fu una serva di Re Davide. Secondo l'Antico Testamento non ebbe rapporti sessuali con il re (Primo libro dei re, 1,4), ma dopo la morte di Davide è considerata una delle sue concubine. È questo il motivo per cui Salomone, intende la richiesta della mano di Abisag da parte del fratellastro Adonia, secondo le tradizioni orientali, come rivendicazione del trono.

Tradizione ebraica[modifica | modifica wikitesto]

La tradizione ebraica associa Abisag ad un'altra donna di Sunem, che ha ospitato il profeta Eliseo. Questa tradizione però renderebbe falsa l'informazione fornita dall'Antico Testamento. Inoltre, la tradizione ebraica ritiene che re Davide non fece di Abisag una delle sue mogli perché ne aveva già diciotto, il numero massimo consentito ad un re dalla legge ebraica.

Arte[modifica | modifica wikitesto]

Abisag viene universalmente conosciuta come una bellezza assoluta, tanto che, secondo alcuni, sarebbe la protagonista del Cantico dei Cantici. Nell'arte, la donna è rappresentata, soprattutto da miniatori medievali, sempre a fianco del re Davide, impegnata nel curarlo o ad accudire il suo corpo esanime nel letto di morte. In tali miniature viene rappresentata con le mani incrociate sul petto, simbolo di devozione assoluta e di riverenza al suo re.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 41562894 LCCN: no2004120057