Zlatá Koruna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Zlatá Koruna
Comune
Zlatá Koruna – Stemma Zlatá Koruna – Bandiera
Zlatá Koruna – Veduta
Localizzazione
StatoRep. Ceca Rep. Ceca
RegioneFlag of South Bohemian Region.svg Boemia meridionale
DistrettoČeský Krumlov
Amministrazione
SindacoMilan Štindl
Territorio
Coordinate48°51′17″N 14°22′11″E / 48.854722°N 14.369722°E48.854722; 14.369722 (Zlatá Koruna)Coordinate: 48°51′17″N 14°22′11″E / 48.854722°N 14.369722°E48.854722; 14.369722 (Zlatá Koruna)
Altitudine473 m s.l.m.
Superficie8,82[1] km²
Abitanti729[2] (1º gennaio 2011)
Densità82,65 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale382 02
Fuso orarioUTC+1
Codice ČSÚ545864
TargaCK
Cartografia
Mappa di localizzazione: Repubblica Ceca
Zlatá Koruna
Zlatá Koruna
Sito istituzionale

Zlatá Koruna è un comune della Repubblica Ceca facente parte del distretto di Český Krumlov, nella regione della Boemia meridionale.

Il monastero di Slatá Koruna in una illustrazione della fine del XVIII secolo
Pianta della chiesa e del chiostro
La facciata della chiesa

Il monastero di Zlatá Koruna[modifica | modifica wikitesto]

Il monastero cistercense venne fondato nel 1263 dal re di Boemia Ottocaro II, come antagonista del monastero di Vyšší Brod, voluto invece dalla famiglia Rosenberg.

Al periodo intorno al 1300 risalgono il presbiterio e il transetto della chiesa gotica, intitolata all'Assunzione della Vergine Maria, mentre le tre navate principali furono completate intorno al 1370.

In un periodo successivo al 1663 la chiesa fu barocchizzata, mentre subì altri interventi di restauro negli anni 1839-1841.

La costruzione del monastero fu iniziata alla fine del XIII secolo, proseguì negli anni Trenta del XIV e fu ultimata negli anni 1360-1370.

Tra gli altri luoghi più importanti del monastero si annoverano la sala capitolare, risalente agli anni 1280-1290, e la coeva cappella degli Angeli custodi.

Il chiostro è decorato da stucchi e pitture murali che risalgono alla seconda metà del XVIII secolo.

Nel 1785 la comunità monastica fu soppressa, ma l'edificio fu restaurato a più riprese nel XX secolo e nel 1960 fu riaperto come monumento visitabile dal pubblico.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (CSEN) Dati forniti dall'Istituto Statistico Ceco (XLS), su czso.cz. URL consultato il 10 febbraio 2012.
  2. ^ (CSEN) Dati forniti dall'Istituto Statistico Ceco (PDF), su czso.cz. URL consultato il 10 febbraio 2012.
  3. ^ (CS) Sito ufficiale del monumento, su klaster-zlatakoruna.eu. URL consultato il 19 dicembre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Repubblica Ceca Portale Repubblica Ceca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Repubblica Ceca