Zeid bin Hussein

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Zeid bin Hussein
Prince Zeid bin Hussein.jpg
Il principe Zeid bin Hussein in una fotografia d'epoca
Pretendente al trono dell'Iraq
Stemma
In carica 14 luglio 1958 –
18 ottobre 1970
Predecessore Faysal II d'Iraq
Successore Ra'ad bin Zeid
Nascita 28 febbraio 1898
Morte Parigi, 18 ottobre 1970
Dinastia Hashemiti
Padre Hussein bin Alì
Madre Adila Khanum
Consorte Fahrelnissa Zeid
Figli Ra'ad bin Zeid
Religione Musulmano sunnita

Zeid bin Hussein (28 febbraio 1898Parigi, 18 ottobre 1970) fu membro della famiglia reale degli Hashemiti, secondo in linea di successione nel Regno d'Iraq e poi pretendente al trono.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia ed educazione[modifica | modifica wikitesto]

Il principe Zeid era il quarto figlio di Hussein bin Alì, Sharif della Mecca, e unico con la terza moglie, Adila Khanum. Studiò al Liceo Galatasaray e poi al Robert College a Costantinopoli, e in seguito al Balliol College, Oxford.

Carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Mappa del novembre 1918 per l'assetto del Medio Oriente disegnata da T.E. Lawrence

Dal 1916 al 1919 il principe Zeid fu il comandante dell'esercito arabo del nord e nel 1918 Thomas Edward Lawrence suggerì di renderlo sovrano dell'area nordoccidentale della Siria. L'inizio del dominio francese portò alla sua assegnazione alla cavalleria irachena, dove fu promosso a colonnello dal fratello re Faysal I d'Iraq.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 1933 sposò la princessa Fahrelnissa Zeid ad Atene. Dal matrimonio nacque un solo figlio, il principe Ra'ad bin Zeid.

Carriera diplomatica[modifica | modifica wikitesto]

Zeid divenne poi ambasciatore iracheno a Berlino e ad Ankara negli anni '30 e a Londra negli anni '50, restando per tutta la vita secondo o terzo in linea di successione al trono iracheno subito dopo il nipote Abd al-Ilah ibn Ali al-Hashimi, che servì anche da reggente dal 1939 al 1953.

Pretendente al trono dell'Iraq[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 luglio 1958 il principe Zeid divenne capo della Casa Reale d'Iraq in seguito all'assassinio del pronipote re Faisal II d'Iraq e del principe Abd al-Ilāh parte del generale Abd al-Karim Qasim, che proclamò la repubblica. Zeid e la sua famiglia continuarono a vivere a Londra, dove la famiglia risiedeva durante il colpo di stato.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Il principe Zeid morì a Parigi il 18 ottobre 1970 e fu sepolto nel Mausoleo reale del Palazzo Raghdan ad Amman in Giordania.

Suo figlio, il principe Ra'ad bin Zeid, gli è succeduto come capo della Casa Reale dell'Iraq.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Il principe Zeid e ebbero un solo figlio:

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN73725483 · ISNI (EN0000 0000 4754 9130 · LCCN (ENnr93013963 · GND (DE112480448X · WorldCat Identities (ENlccn-nr93013963