Ysyk-Köl

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Ysyk-Köl (disambigua).
Ysyk-Köl
Issyk Kul.jpg
Stato Kirghizistan Kirghizistan
Regione regione di Ysyk-Köl
Coordinate 42°30′N 77°30′E / 42.5°N 77.5°E42.5; 77.5Coordinate: 42°30′N 77°30′E / 42.5°N 77.5°E42.5; 77.5
Altitudine 1608[1] m s.l.m.
Dimensioni
Superficie 6 236[1] km²
Lunghezza 178[1] km
Larghezza 60[1] km
Profondità massima 668[1] m
Profondità media 278[1] m
Volume 1 738[1] km³
Sviluppo costiero 597[1] km
Idrografia
Origine endoreico
Bacino idrografico 21 900[1] km²
Immissari principali ghiacciai, Ču
Emissari principali nessuno
Mappa di localizzazione: Kirghizistan
Ysyk-Köl
Ysyk-Köl

L'Ysyk-Köl[2] (in kirghizo: Ысык-Көл /ɯsɯqkœl/) o Issyk-Kul' (secondo la traslitterazione dal russo: Иссык-Куль)[3] è un lago salato situato nel Kirghizistan (una delle ex repubbliche dell'URSS), che costituisce un enorme bacino d'acqua fra i monti Küngey Alatau a nord e i Terskey Alatau a sud, parte della catena montuosa del Tian Shan. Il nome tradotto significa "lago caldo".

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Con un'estensione di 178 km[1] in lunghezza e 60 km[1] in larghezza e una profondità massima di 668 m[1], l'Ysyk-Köl (1600 m s.l.m.) è il secondo più grande lago di montagna al mondo dopo il lago Titicaca in Sudamerica. Per quanto riguarda la profondità media (278 m[1]) è il decimo lago al mondo. Caratteristico è il fatto, da cui deriva il nome, che l'acqua non geli mai.

Ai tempi sovietici erano sfruttate le sorgenti termali che si trovano intorno al lago; la popolazione si addensa maggiormente lungo la costa nord del lago, che offre condizioni più favorevoli al popolamento.

L'alveo del lago è un bacino endoreico, cioè ha corsi fluviali affluenti, ma è privo di emissari; in seguito a ciò il livello della superficie del lago è dovuto esclusivamente al bilancio afflussi-evaporazione.

Una spiaggia in Kosh-Kol
Spiaggia

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Da sempre gravitante nell'orbita politica ed economica della Cina, la regione fu l'epicentro da cui si diffuse la Peste Nera nel 1338 e che investì il mondo arabo e l'intera Europa tra il 1347 ed il 1354, mietendo almeno cinquanta milioni di vittime. L'intera regione venne acquisita tra il 1868 ed il 1884 da parte della Russia. I primi coloni russi, ucraini e bielorussi si stabilirono nelle zone vicine al lago nel 1868, seguiti da dungani e uiguri negli anni '70 e '80 del XIX secolo. La città di Karakol fu fondata nel 1869, dopo di che fu la volta di Tup (nel decennio 1870), Teploklyuchenka (Ak-Suu), Ananyevo, Pokrovka (l'odierna Kyzyl-Suu) e da una serie di altri centri, molti dei quali hanno conservato i loro nomi cosacchi.
Durante la guerra fredda l'accesso alla zona dell'Ysyk-Köl fu interdetto ai non residenti, a causa di test militari, soprattutto per collaudo di natanti di vario tipo nel lago.

Centri abitati intorno al lago[modifica | modifica wikitesto]

Città e villaggi sulle rive del lago, in senso orario:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m (RU) Иссык-Куль, su bse.sci-lib.com. URL consultato il 12 marzo 2019.
  2. ^ Ysyk-Köl (lake), su getty.edu. URL consultato il 12 marzo 2019.
  3. ^ Issyk-Kul´, su treccani.it. URL consultato il 12 marzo 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN244718159 · LCCN (ENno2008088743 · GND (DE4406221-7 · WorldCat Identities (ENno2008-088743
Kirghizistan Portale Kirghizistan: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Kirghizistan