Xantelasma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Xantelasma
Xanthelasma.jpg
Xantelasma bilaterale
Specialitàoftalmologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM374.51
ICD-10H02.6
MedlinePlus001447
eMedicine1213423

Con il termine xantelasma (detto anche xantelasma palpebrale) ci si riferisce a un deposito di colesterolo giallastro, nettamente delimitato sotto la pelle, di solito sopra o intorno alle palpebre[1]. Anche se non risulta né dannosa né dolorosa, questa piccola escrescenza può risultare deturpante e può essere rimossa[1]. Lo xantelasma si ritrova con maggiore facilità in soggetti di origine asiatica e del bacino mediterraneo.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

La parola deriva dalla lingua greca ξανθός, xanthos = giallo e έλασμα, elasma = piatto e definisce bene l'aspetto caratteristico di questa placchetta giallastra.

Significato clinico[modifica | modifica wikitesto]

Gli xantelasmi assumono importanza per il loro significato indiziario di sospetto di uno stato di ipercolesterolemia. Sono sostanzialmente formazioni nodulari biancastre o giallastre, in genere in corrispondenza dell'angolo interno delle palpebre superiori (canto interno), derivanti dall'accumulo di esteri della colesterina in alcune grosse cellule schiumose disposte nel derma reticolare delle palpebre superiori e inferiori. Queste cellule sono probabilmente derivanti da macrofagi contenenti appunto lipidi[2].

Fisiopatologia[modifica | modifica wikitesto]

L'esatta patogenesi degli xantelasmi non è nota. Gran parte degli studi effettuati riportano un aumento di colesterolo totale o LDL, e una diminuzione di HDL, o entrambe le evenienze negli individui affetti da xantelasmi. Similmente a gran parte degli studi caso-controllo non ha dimostrato alcuna associazione tra gli xantelasmi e la malattia cardiovascolare[2].

Trattamento[modifica | modifica wikitesto]

La rimozione degli xantelasmi può avvenire con diverse terapie[3]. Uno dei trattamenti più diffusi consiste nella semplice applicazione sullo xantelasma di acido tricloroacetico. Tuttavia non tutti i pazienti accettano o tollerano l'applicazione topica di una sostanza acida aggressiva in vicinanza del bulbo oculare. Inoltre il trattamento è gravato da alcune possibili complicanze quali la formazione di cicatrici e l'insorgenza di ectropion. Un'altra possibilità è rappresentata dall'intervento chirurgico tradizionale. Ancora è possibile ricorrere alla crioterapia con azoto liquido. Sono inoltre molto diffuse le tecniche di ablazione con elettrobisturi o con l'utilizzo di onde radio o laserterapia[4][5][6].

Recidive[modifica | modifica wikitesto]

Il trattamento dello xantelasma rappresenta una difficile sfida terapeutica poiché pressoché tutte le tecniche di intervento sono gravate da un elevato tasso di recidiva.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Lang, Gerhard K Ophthalmology Thieme. Stuttgart. 2000.
  2. ^ a b Christoffersen M., Frikke-Schmidt R. Xanthelasmata, arcus corneae, and ischaemic vascular disease and death in general population: prospective cohort study. BMJ 2011;343:d5497 doi: 10.1136/bmj.d5497
  3. ^ Fusade T. Treatment of xanthelasma palpebrarum by 1,064-nm Q-switched Nd:YAG laser: A study of 11 cases. Br J Dermatol. 2008;158:84–7.
  4. ^ Karsai S, Schmitt L, Raulin C. Is Q-Switched Neodymium-Doped yttrium aluminium garnet laser an effective approach to treat xanthelasma palpebrarum? Results from a Clinical Study of 76 Cases. Dermatol Surg. 2009;35:1962–9.
  5. ^ Ichikawa K, Miyasaka M, Tanaka R, Tanino R, Mizukami K, Wakaki M. Histologic evaluation of the pulsed Nd:YAG laser for laser lipolysis. Lasers Surg Med. 2005;36:43–6.
  6. ^ Anderson RR, Farinelli W, Laubach H, Manstein D, Yaroslavsky AN, Gubeli J, 3rd, et al. Selective photothermolysis of lipid-rich tissues: A free electron laser study. Lasers Surg Med. 2006;38:913–9.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina