William Schabas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

William A. Schabas (9 novembre 1950) è un accademico e giurista canadese. Professore di diritto internazionale presso la Middlesex University di Londra, è un esperto di fama internazionale su diritti umani, genocidio, e pena di morte. Nel 2009 è stato eletto Presidente della International Association of Genocide Scholars[1]. Ufficiale dell'Ordine del Canada e membro della Royal Academy irlandese.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

È autore di ventuno libri riguardanti, in tutto o in parte legge internazionale sui diritti umani tra cui:

  • Essays on the Rome Statute of the International Criminal Court Volume I, collana Diritto (n. 1), il Sirente, Fagnano Alto, 1999, pp. 544 pp, ISBN 978-88-87847-00-0.
  • The Abolition of the Death Penalty in International Law (Cambridge University Press, 3d ed., 2003)
  • Essays on the Rome Statute of the International Criminal Court Volume II, collana Diritto (n. 3), il Sirente, Fagnano Alto, 2004, pp. 368 pp, ISBN 978-88-87847-02-4.
  • The U.N. International Criminal Tribunals: The Former Yugoslavia, Rwanda and Sierra Leone (Cambridge University Press, 2006)
  • An Introduction to the International Criminal Court (Cambridge University Press, 3d ed. 2007)
  • War Crimes and Human Rights: Essays on the Death Penalty, Justice and Accountability (Cambridge University Press, 2008)
  • Genocide in International Law: The Crime of Crimes (Cambridge University Press, 2d ed., 2009)
  • The International Criminal Court: A Commentary on the Rome Statute (Oxford University Press, 2010)

Ha inoltre pubblicato oltre 300 articoli in riviste accademiche, soprattutto nel campo del diritto internazionale dei diritti umani e del diritto penale internazionale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chairman of the ICHR, Professor William Schabas, receives RIA gold medal, Irish Centre for Human Rights National University of Ireland, Galway, 9 agosto 2012. URL consultato il 9 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 5 settembre 2009).
Controllo di autoritàVIAF (EN7471399 · ISNI (EN0000 0001 2119 4332 · LCCN (ENn91065400 · GND (DE128382112 · BNF (FRcb12382778z (data) · NLA (EN35804643