Walter Fusi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Walter Fusi (Udine, 3 agosto 1924Colle di Val d'Elsa, 15 maggio 2013[1]) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Walter Fusi nasce a Udine da genitori toscani, ma non passa molto tempo che la famiglia torna nel luogo di origine a Colle Val d'Elsa. Compie i suoi studi a Siena presso l'Istituto d'Arte che frequenta fino al diploma nel 1943, per poi iscriversi all'Accademia di Firenze alla fine della seconda guerra mondiale. In considerazione anche dei tempi i suoi spostamenti tra Colle Val d'Elsa e Firenze verranno effettuati con camion che facevano servizio di trasporto tra le due località.

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

A Firenze le idee artistiche di Fusi, che aderisce al movimento informale, non trovano terreno fertile: la vita artistica fiorentina è o ancora legata alle idee estetiche del gruppo delle Giubbe Rosse (che facevano capo a Ottone Rosai) o tendente ad idee neoavanguardiste. Le sue idee trovano l'ambiente adatto presso la Galleria dell'Indiano, che accoglieva gli artisti informali e dove tra il 1958 e il 1964 tiene alcune personali. Fusi è sfiduciato per l'esperienza informale e, dopo un periodo di silenzio e riflessione, approda all'astrattismo geometrico.

La maturazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel periodo dal 1965 fino alla fine degli anni settanta è a Milano, dove sperimenta il concretismo per arrivare alla creazione di opere pittoriche tridimensionali. Nel 1979 Fusi torna a Firenze dove ritrova il piacere di dipingere, tornando alle origini informali e trovando un giusto equilibrio con le riflessioni geometriche.

Le mostre[modifica | modifica wikitesto]

Ha tenuto numerose personali a Roma, Milano, Firenze, Genova, Bologna, Bolzano, Pordenone, Udine, Taranto, Bari, Padova, Pisa, Perugia, Portogruaro, Colle Val d'Elsa, Prato, Bonn, Liegi, New York, Chicago e partecipato a numerosissime collettive. «Ha inoltre partecipato alla VIII Quadriennale d'Arte Contemporanea di Roma, al XXV, XXVI e XXVIII "Salon des Réalités Nouvelles", al XII, XV e XVI "Salon Grands et jeunes d'Aujuourd'hui", al "Salon des Comparaison Grand Palais" e al XXXI "Salon de la jeune Sculptures" di Parigi. Espone, inoltre, alla "Bertrand Russell Peace Foundation" a Londra, all'"Art 94" a Bruxelles e al "Costructivismo 96" a Caracas.» [2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ È morto a 89 anni Walter Fusi il pittore dei Carmine Burana :: VIP Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive.
  2. ^ Giuliano Serafini, Walter Fusi: la pittura dentro, catalogo mostra di Colle Val d'Elsa 28/10/2002-07/01/2001, Artigraf 2000

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuliano Serafini, Walter Fusi: la pittura dentro, catalogo mostra di Colle Val d'Elsa 28/10/2002-07/01/2001, Artigraf 2000.
  • Walter Fusi, Opere 1980/1991, catalogo mostra di Colle di Val d'Elsa 15/06/-15/09/1991.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN19614830 · ISNI (EN0000 0000 7864 7278 · SBN IT\ICCU\CFIV\092473 · LCCN (ENnr2002022984 · GND (DE122620011 · WorldCat Identities (ENnr2002-022984