Walker Art Gallery

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando per la galleria di Minneapolis, vedi Walker Art Center.
Walker Art Gallery
Walker Art Gallery Liverpool.jpg
Veduta dell'ingresso
Tipo Arte
Data fondazione 1877
Stato Regno Unito Regno Unito
Località Liverpool
Indirizzo William Brown Street
Visitatori 240.531[1] (2015)
Sito web

Coordinate: 53°24′36.24″N 2°58′46.73″W / 53.410067°N 2.979647°W53.410067; -2.979647

La Walker Art Gallery è un museo di Liverpool, che ospita una delle più vaste collezione di dipinti del Regno Unito.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Walker Art Gallery fu progettato dagli architetti Cornelius Sherlock e H. H. Vale e venne aperto al pubblico nel 1877,[3] il suo nome viene dal mecenate, Sir Andrew Barclay Walker (1824-1893), sindaco della città di Liverpool.[3] La pinacoteca si trova in William Brown Street (l'unica via della nazione ad avere unicamente musei), ospitata in un edificio in stile neoclassico.

La collezione[modifica | modifica wikitesto]

Nella collezione sono presenti opere databili dalla Crocifissione di Cristo attribuita al misterioso Maestro di Forlì in poi: poche ma scelte le altre pitture italiane (Ercole de' Roberti, Simone Martini, Tiziano), e quelle straniere Rembrandt, Poussin, Adam Elsheimer e, tra gli impressionisti Degas; mentre è tra le più ricche al mondo la collezione di Preraffaelliti.

Walker Art Gallery 1288.JPG

Molti anche i dipinti del Settecento inglese. Il XX secolo è rappresentato da opere di Lucian Freud, David Hockney e Gilbert and George. La galleria ospita anche mostre temporanee.[4]

Facciata del museo

Il museo è parte anche della Liverpool Biennial.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Association of Leading Visitor Attractions
  2. ^ (EN) www.liverpoolmuseums.org.uk
  3. ^ a b (EN) www.liverpoolmuseums.org.uk
  4. ^ Informazioni tratte dal Sito Ufficiale

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV., Inghilterra del Nord, Lonely Planet.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN124089443 · LCCN: (ENn80119554 · ISNI: (EN0000 0001 1954 9712 · BNF: (FRcb122058900 (data) · NLA: (EN36145286
Musei Portale Musei: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musei