WOH G64

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
WOH G64
WOH G64 Particular.jpg
Rappresentazione artistica della stella e del toroide di polveri che la circonda
Classificazione Ipergigante rossa
Distanza dal Sole 163.000 a.l.
Costellazione Dorado
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 04h 55m 10,49s
Declinazione -68° 20′ 29,8″
Dati fisici
Diametro medio 2,78 x 109 km
Raggio medio 1540 - 1730 R
Volume
Massa
16 - 22 M
Temperatura
superficiale
3200 K (media)
Luminosità
280.000 L
Dati osservativi
Magnitudine app.  ?
Magnitudine ass. -8,9 [1]
Nomenclature alternative
2MASS J04551048-6820298

Coordinate: Carta celeste 04h 55m 10.49s, -68° 20′ 29.8″

WOH G64 è una stella rossa della costellazione del Dorado, che appartiene alla vicina galassia della Grande Nube di Magellano. Dista circa 163.000 anni luce dal sistema solare.[2]

Inizialmente il raggio fu stimato essere 2000 volte quello del Sole, tuttavia osservazioni sulla stella nel 2009 da parte di Emily M. Levesque e i suoi colleghi, hanno stimato un diametro inferiore, pari a 1540 volte quello solare [1], mentre sempre nel 2009, la stima di Ohnaka et al. fu di 1730 R[3]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

WOH G64 è una ipergigante rossa di tipo spettrale M7,5 0[4]. Dai primi studi, la sua enorme luminosità (500.000 volte la luminosità solare) e la sua massa (40 volte quella del Sole), parevano incompatibili con la sua bassa temperatura superficiale, ritenuta, grazie a misure di tipo spettroscopico, di 3200 K. Studi successivi hanno mostrato che l'astro è circondato da uno spesso disco di polveri, che riduce la luminosità del corpo celeste di un fattore 2; di conseguenza, WOH G64 brilla solamente come 280.000 Soli. Allo stesso modo, la sua massa stimata attualmente è circa la metà di quella stimata inizialmente: 25 masse solari, un valore più concorde con i modelli dell'evoluzione stellare.[5]
Il limite interno del disco è posto a 120 UA dalla stella, mentre il confine esterno si trova a quasi un anno luce dalla stella (quasi 60.000 UA).[5]

Gli astrofisici ritengono che la stella abbia perso, tramite il vento, una quantità di materia compresa tra il 10 e il 40 % della sua massa, mentre si avvia a concludere la propria esistenza esplodendo in supernova. Si pensa che tale avvenimento accadrà entro i prossimi 10.000 anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Levesque, Emily M.; Massey, Philip; Plez, Bertrand; Olsen, Knut A. G., The Physical Properties of the Red Supergiant WOH G64: The Largest Star Known?, in Astronomical Journal, vol. 137, nº 6, 2009, pp. 4744-4752.
  2. ^ WOH G64 (Jumk.de/astronomie)
  3. ^ Ohnaka, K.; Driebe, T.; Hofmann, K. H.; Weigelt, G.; Wittkowski, M., Resolving the dusty torus and the mystery surrounding LMC red supergiant WOH G64, in Proceedings of the International Astronomical Union, vol. 4, 2009, p. 454, DOI:10.1017/S1743921308028858.
  4. ^ Dati di WOH G64 (SIMBAD)
  5. ^ a b (ES) Primera observación de la estructura de una estrella en otra galaxia, astroseti.org, 28 maggio 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Le 20 stelle più grandi conosciute
UY Scuti · WOH G64 · Westerlund 1-26 · VX Sagittarii A · V354 Cephei A · KW Sagittarii · VY Canis Majoris · KY Cygni · Mu Cephei · V766 Centauri · AH Scorpii · RW Cephei · BC Cygni · S Persei · PZ Cassiopeiae · NML Cygni · RT Carinae · CK Carinae · VV Cephei A · Betelgeuse
Stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni