Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Vladimir Fëdorovič Vavilov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Vladimir Fëdorovič Vavilov (in russo: Владимир Фёдорович Вавилов?; 5 maggio 19253 novembre 1973) è stato un compositore, liutista e chitarrista russo, studiò chitarra con P. Isakov e composizione con I. Admoni al Conservatorio Rimski-Korsakov di San Pietroburgo.

Vavilov fu molto attivo come strumentista sia con il liuto che con la chitarra, come redattore musicale per una casa editrice musicale statale, ed ancor più come compositore. Aveva l'abitudine di attribuire le proprie composizioni ad altri musicisti, solitamente rinascimentali e barocchi, spesso indipendentemente dallo stile proprio dell'opera, nello spirito di Fetis, Kreisler, Ponse, Casadesus ed altri mistificatori di epoche precedenti. Le sue creazioni ebbero - ed hanno tuttora - enorme circolazione, al punto di conquistare a volte lo status di melodie tradizionali.

Alcune fra le sue composizioni più note sono:

Vavilov morì in povertà, di tumore al pancreas, pochi mesi prima dell'esecuzione de "La Città d'Oro", che fu un immediato trionfo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Сергей Севостьянов, "Страницы жизни Владимира Федоровича Вавилова". Журнал «Нева» № 9 (2005).
  2. ^ "Вавилов Владимир Фёдорович", Иллюстрированный биографический энциклопедический словарь.
  3. ^ Гейзель Зеев, "История одной Песни" (15 февраля 2005)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN317274572 · ISNI (EN0000 0003 7230 1972 · LCCN (ENn80142914