Vincenzo Gazzotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vincenzo Gazzotto

Vincenzo Gazzotto (Padova, 10 agosto 1807Bolzonella, 30 gennaio 1884) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Vincenzo Gazzotto nacque il 10 agosto 1807 in una famiglia di umili origini. Notato dal conte Giovanni De Lazara, è ammesso quattordicenne agli studi di ornato tenuti da Giuseppe Borsato all'Accademia di Belle Arti di Venezia, dove completò gli studi nel 1827. Tornato a Padova, si distinse sia per la sua abilità nella copia sia per la sua incostanza; le cronache del tempo riportano di molti lavori iniziati e mai terminati oltre alle lodi per la qualità delle sue opere compiute.

Per mantenersi aprì nel 1837 una scuola di disegno dove studiò anche Achille Astolfi. Nel 1868 si trasferì nella villa di Bolzonella, nei pressi di Facca di Cittadella, dove vivevano i mecenati dei suoi ultimi anni di vita, i Cittadella Vigodarzere. Si dedicò per 15 anni ad affrescare la cappella mortuaria della villa, dove ritrasse anche Andrea Cittadella Vigodarzere. Morì a villa Bolzonella il 30 gennaio 1884.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alberto Maria Ghisalberti (a cura di), Gazzotto, Vincenzo, in Dizionario biografico degli Italiani, Volume 52, Istituto della Enciclopedia italiana, 1960.
  • Davide Banzato, Franca Pellegrini, Mari Pietrogiovanna (a cura di), Dipinti dell'Ottocento e del Novecento dei Musei civici di Padova, Il poligrafo, 1999, pp. 131-133, ISBN 978-88-7115-134-2.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN60027409 · ISNI (EN0000 0000 1449 3732 · GND (DE124845665 · CERL cnp00583018 · WorldCat Identities (EN60027409