Verdun-en-Lauragais

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Verdun-en-Lauragais
comune
Verdun-en-Lauragais – Stemma
Verdun-en-Lauragais – Veduta
Localizzazione
StatoFrancia Francia
RegioneOccitania
DipartimentoBlason département fr Aude.svg Aude
ArrondissementCarcassonne
CantoneMontréal
Territorio
Coordinate43°22′N 2°04′E / 43.366667°N 2.066667°E43.366667; 2.066667 (Verdun-en-Lauragais)Coordinate: 43°22′N 2°04′E / 43.366667°N 2.066667°E43.366667; 2.066667 (Verdun-en-Lauragais)
Altitudine198 m s.l.m.
Superficie21,2 km²
Abitanti266[1] (2009)
Densità12,55 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale11400
Fuso orarioUTC+1
Codice INSEE11407
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Verdun-en-Lauragais
Verdun-en-Lauragais

Verdun-en-Lauragais è un comune francese di 266 abitanti situato nel dipartimento dell'Aude nella regione dell'Occitania.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome del villaggio è di origine gallica[2], ma non è stato ritrovato alcun documento che menzioni l'insediamento sino all'XI secolo. Tuttavia, la toponomastica di alcuni luoghi suggerisce che una presenza era possibile. Infatti, intorno all'anno 1000, ci fu un'ondata di costruzione e occupazione di alcune posizioni geografiche della regione. La gente si riuniva in piccoli villaggi fortificati, intorno ad una cappella, su una collina. Un luogo che potrebbe corrispondere all'antica località di Verdun è la collina di St Alary situata tra "Les Trois Moulins" e "Cayrejac".[2]

Il 7 agosto 1152, i figli di Hughes di Saissac, signore di Saissac, annunciarono al loro feudatario, il visconte Raymond di Trencavel, che avrebbero costruito un castrum in località di Verdun. Il forte di Verdun si trovava su un promontorio roccioso ad anello formato da due torrenti, il Tenda e il Goutine; tale posizione permetteva di osservare e tenere sotto controllo tutta la pianura fino ai Pirenei. Il paese era circondato da bastioni ed era accessibile da due porte.

Il villaggio divenne un fulcro del catarismo, successivamente affrontato con la crociata albigese. Dopo la conquista dei possedimenti della casata di Trencavel, una rivolta dei piccoli signori locali intorno al 1240 portò il re Luigi IX a fare concessioni parziali che si estesero ad un gran numero di persone proscritte nell'esercito. Jourdain de Saissac, figlio del nobile cataro Bertran de Saissac, in quegli anni riuscì a recuperare la quarta parte della signoria di Verdun. Il 16 luglio 1253, lo vendette a Guillaume Pia, siniscalco di Carcassonne tra il 1248 e il 1252, e signore dei Ferrals fin dal suo acquisto presso l'abbazia di Saint-Papoul. Tra il 1327 e il 1329, Guillaume Pia venne nominato cavaliere e signore di Verdun.

Nel 1305, l'intera popolazione fu deportata a Carcassonne per essere interrogata. Dal 1308 al 1321, tra i 25 credenti bruciati a Tolosa, 5 erano di Verdun. Nel corso dei secoli, Verdun ha occupato un posto importante tra la regione del Lauragais e Montagne-Noire. Nel 1370, Verdun disponeva di un tribunale sotto la cui autorità erano sottoposti 3380 fuochi.

Nel 1856, il borgo aveva 751 abitanti.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ INSEE popolazione legale totale 2009
  2. ^ a b (FR) Verdun-en-Lauragais - Histoire, su Mairie de Verdun en Lauragais.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF (FRcb15246942w (data)
Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Francia