Vanishing Waves

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vanishing Waves
VanishingWaves.png
Una scena del film
Titolo originaleVanishing Waves / Aurora
Lingua originalelituano, inglese
Paese di produzioneLituania, Francia, Belgio
Anno2012
Durata124 min
Generefantascienza, sentimentale
RegiaKristina Buožytė
SceneggiaturaBruno Samper e Kristina Buožytė
ProduttoreIeva Norvilienė
Co-produttori: Chica Benadava, Ludi Boeken, Pascal Judelewicz
Casa di produzioneTremora, Acajou Films, Les Films 2 Cinema
FotografiaFeliksas Abrukauskas
MontaggioSuzanne Fenn
MusichePeter Von Poehl
ScenografiaAudrius Dumikas
CostumiDaiva Petrulytė
TruccoVaida Venckutė
Interpreti e personaggi
Premi

Vanishing Waves o Aurora è un film di fantascienza del 2012 diretto da Kristina Buožytė, che ne ha scritto la sceneggiatura con Bruno Samper, accreditato anche come creative director e autore dello stile visivo del film.

Il film ha vinto il Méliès d'oro 2012 per il miglior film fantastico europeo.[1][2] Al 2013 è inedito in italiano.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Lukas, uno scienziato, partecipa ad un esperimento che gli permette di entrare nella testa di un paziente in coma sconosciuto. All'inizio distingue solo un'esplosione di suoni e immagini, poi percepisce una donna sconosciuta. Ad ogni nuova "connessione" scopre qualcosa di più su questa donna, fino a quando finisce per innamorarsene perdutamente.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Gli effetti visivi del film sono stati realizzati dalle società OKTA (Lituania), Cyberpunk VFX (Lettonia), Alchemy24 (Canada) e 3-D Trix (Finlandia), con post-produzione di La Planete Rouge (Francia).[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Vanishing Waves, European Fantastic Film Festivals Federation. URL consultato il 15 dicembre 2013.
  2. ^ Vanishing Waves vince il Méliès d'Oro a Sitges, cineuropa.org. URL consultato il 15 dicembre 2013.
  3. ^ Titoli di coda del film.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema