Valentin Faltlhauser

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Valentin Faltlhauser (Wiesenfelden, 28 novembre 1876Monaco di Baviera, 8 gennaio 1961) è stato uno psichiatra tedesco coinvolto nei crimini di eutanasia come perito T4 e direttore del sanatorio di Kaufbeuren e della succursale di Irsee per l'eutanasia durante l'epoca del regime nazionalsocialista.

Oltre agli adulti, sono stati uccisi anche bambini del reparto di pediatria. Faltlhauser è stato uno dei medici che ha subordinato le proprie conoscenze scientifiche alla politica alla ideologia nazista della razza ed alle presunte valutazioni economiche, diventando così un criminale. Dopo la fine della guerra, è stato accusato e condannato a tre anni di reclusione, ma l'esecuzione della pena è stata rinviata e gli è stata concessa la grazia nel 1954.

Scuola, studio, dottore del reggimento[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un amministratore immobiliare, terminò la sua carriera liceale ad Amberg. Iniziò quindi a studiare legge all'Università di Monaco, che abbandonò dopo un semestre. A causa della sua inclinazione, Faltlhauser passò alla facoltà di medicina e studiò per due anni a Monaco di Baviera. Nel 1899 si trasferì all'Università di Erlangen. La sua attenzione era sulle malattie nervose. Dopo aver completato gli studi, Faltlhauser divenne dapprima assistente ed infine, dal febbraio 1904, tirocinante presso l'ospedale psichiatrico distrettuale di Erlangen. Faltlhauser completò il suo dottorato presso l'Università di Erlangen e la sua tesi fu pubblicata nel 1906. Come volontario, svolse il servizio militare nel 1899/1900 e nel 1903/04.[1] Dall'ottobre 1914 alla metà di giugno 1918, Faltlhauser partecipò alla prima guerra mondiale come ufficiale medico nella riserva[1] e come medico di reggimento nel reggimento 20 della fanteria di riserva bavarese.[2][3]

Psichiatri riformati[modifica | modifica wikitesto]

Faltlhauser inizialmente esercitò il suo lavoro psichiatrico in un istituto di custodia tradizionale con opzioni terapeutiche molto limitate. La situazione è cambiata solo quando lo psichiatra Gustav Kolb, direttore del manicomio di Erlangen, è riuscito a mettere in atto le sue idee riformiste dopo la fine della guerra e, con il suo supervisore Faltlhauser, a introdurre una forma di psichiatria riconosciuta a livello internazionale: la pratica dell'"assistenza aperta" si basava sull'assistenza ambulatoriale e sulla creazione di una rete di supporto sociale per i malati di mente cronica.[4] Dal 1920, Faltlhauser oltre la sua attività di supervisore esercitò anche la funzione di medico curante, poi a tempo pieno dal maggio 1922[5]S. 193 Faltlhauser fu uno dei principali psichiatri riformatori e nel novembre 1929 divenne direttore del sanatorio di Kaufbeuren, dove iniziò anche a istituire una unità di "assistenza aperta".[5]S. 211f. Nel 1927, insieme a Kolb e Hans Roemer, pubblicò The Open Welfare in Psychiatry and Its Border Areas.[5]S. 185 Nel 1932, in un libro di testo sull'assistenza psichiatrica, preferì il trattamento dei malati cronici e rifiutò le pratiche di eutanasia. Faltlhauser, che era considerato un rappresentante della psichiatria aperta, perseguì fin dall'inizio anche la segregazione dei cosiddetti "psicopatici":[5]S. 211f.

«[...] Una delle questioni più difficili che l'open care deve risolvere nel trattamento degli psicopatici è la questione dei matrimoni psicopatici. Non è esagerato dire che l'80% degli psicopatici si risposa con uno psicopatico. Sarà un dovere di benessere prevenire per quanto possibile questi matrimoni attesi, quando se ne verrà a conoscenza. […] [Poiché anche] l'instancabile chiarimento [inutile qui] può forse anche avere successo nell'incoraggiare l'incapacità.[6]»

Seguace dell'ideologia nazista[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la presa del potere da parte dei nazionalsocialisti, il concetto di "assistenza aperta" perse la sua importanza. Il controllo era l'obiettivo primario prima del trattamento; la postulata "salute pubblica" aveva la precedenza sui bisogni individuali dei pazienti. Faltlhauser ha accettato gli obiettivi della politica razziale e sanitaria dei nazionalsocialisti. Ha fondato un gruppo locale della Società tedesca per l'igiene razziale ed è diventato membro dell'Ufficio politico razziale del NSDAP. È stato anche rappresentante presso il cosiddetto "Tribunale della salute ereditaria" a Kempten e ha deciso per la sterilizzazione obbligatoria.[7]

Faltlhauser è stato nominato al "Comitato del Reich per la valutazione scientifica dei disturbi ereditari e costituzionali", un'istituzione che ha preparato l'eutanasia infantile. A partire dal 6 settembre 1940 Faltlhauser ha lavorato come esperto per il settore T4. Ha elaborato i moduli di registrazione dei pazienti dei sanatori e delle case di cura e ha deciso quale dei pazienti dovesse essere classificato come "caso da eutanasia". Faltlhauser è stato direttamente coinvolto nei crimini tramite l'eutanasia. Faltlhauser ha anche collaborato su una legge sull'eutanasia ("Legge sul suicidio assistito per i malati terminali"). Questa legge è stata approvata nell'ottobre 1940 ma non ha avuto validità legale.[8]S. 241f.[9]

Nell'agosto 1941, oltre 600 pazienti del manicomio di Kaufbeuren furono assassinati nelle camere a gas dei centri di sterminio nazisti di Grafeneck e Hartheim. Dopo la fine dell'Aktion T4, Faltlhauser utilizzò altri metodi di uccisione nell'ambito dell'"eutanasia decentralizzata": lasciò morire di fame i pazienti o li uccise con le compresse di Luminal o, in alcuni casi con i bambini, con iniezioni di morfina-scopolamina. Tra il 1939 e il 1945, in queste circostanze morirono nel manicomio di Kaufbeuren tra i 1.200 ed i 1.600 pazienti, tra cui circa 210 bambini.[10]

In una conferenza dei rettori delle istituzioni bavaresi tenutasi il 17 novembre 1942 presso il Ministero degli Interni bavarese, Faltlhauser tenne una conferenza sulle sue esperienze con la somministrazione di una dieta speciale senza grassi, la E-Kost, attraverso la quale i pazienti "disabili" morivano di fame entro tre mesi. Durante questa conferenza, il commissario di Stato bavarese Walter Schultze ha invitato i direttori presenti a ridurre il numero dei pasti per i pazienti "inabili al lavoro". Il 30 novembre 1942, infine, Schultze firmò il “Decreto sulla fame alimentare”, che obbligava i direttori del carcere a “prendere immediatamente le misure appropriate”.[11]Special Diet S. 98–99 Faltlhauser, che aveva già introdotto la dieta speciale senza grassi a Kaufbeuren, e Hermann Pfannmüller, nel 1930 primario e vicedirettore a Kaufbeuren sotto Valentin Faltlhauser, che dal 1938 dirigeva il sanatorio di Eglfing-Haar, furono i protagonisti di questo provvedimento.[8]S. 227f., 429f.

Imputato dopo la guerra[modifica | modifica wikitesto]

Faltlhauser è stato arrestato da membri dell'esercito americano alla fine della guerra.

Richard Jenne fu assassinato nel manicomio di Kaufbeuren, davanti al rappresentante di Faltlhauser Lothar Gärtner il 29 maggio 1945.[12] Un medico che era tornato dalla prigionia riferì agli americani delle uccisioni dopo la fine della guerra. Due ufficiali americani e un fotografo hanno quindi visitato l'istituto il 2 luglio 1945, dodici ore dopo la morte dell'ultimo paziente adulto. Il vice di Faltlhauser lo ha trovato impiccato.

Un'infermiera dell'istituto Kaufbeuren ha testimoniato di aver dovuto uccidere dei bambini per ordine di Faltlhauser. Di norma, le compresse di luminal venivano somministrate sciolte nel thè, solo in alcuni casi mediante iniezioni. I pazienti morivano dopo due o tre giorni. Le iniezioni di morfina-scopolamina venivano somministrate ai bambini particolarmente irrequieti solo in casi isolati. La dose era stabilita dallo stesso Faltlhauser.[8]S. 227f., 306f. Ernst Lossa, che aveva quattordici anni, fu assassinato da due iniezioni di morfina-scopolamina per ordine di Faltlhauser il 9 agosto 1944, divenne il più famoso. Il suo destino aveva già suscitato grande interesse tra gli investigatori americani, non essendo portatore di handicap.

Il tribunale di Augsburg, insieme ad altri quattro membri del personale dell'amministrazione della Kaufbeurer, ha accusato Faltlhauser di aver commesso un reato di eutanasia. L'oggetto del procedimento includeva “la partecipazione al 'programma di eutanasia' trasportando i malati di mente nei centri di sterminio, così come la partecipazione all'uccisione di pazienti adulti e adolescenti utilizzando compresse di luminal, iniezioni di morfina-scopolamina e nutrizione inadeguata”. Nel mese di luglio 1949, Faltlhauser è stato condannato a tre anni di carcere per istigazione e favoreggiamento all'omicidio colposo.[13] Dopo i ripetuti rinvii dell'esecuzione della pena detentiva per incapacità alla reclusione, la grazia fu concessa nel dicembre 1954 dall'allora ministro della Giustizia bavarese.[4] Dopo la guerra, Faltlhauser giustificò il suo comportamento con la coscienza del dovere, della compassione e del consenso sociale.[14] Come funzionario pubblico, fu educato a obbedire alledisposizioni e alle leggi pertinenti.

«In ogni caso, le mie azioni non sono avvenute con l'intenzione di un delitto, ma al contrario permeato dalla coscienza di agire misericordiosamente verso le disgraziate creature, con l'intenzione di liberarle da una sofferenza per la quale non c'è salvezza con la mezzo noto oggi per agire come un vero e coscienzioso medico.[15]»

In seguito a decenni di discussioni sull'eutanasia, Faltlhauser ha assunto un consenso sociale e quindi non ha dubitato della giustificazione del decreto "eutanasia" di Hitler. Uno dei principali psichiatri che hanno cercato di risolvere i crimini dell'"eutanasia" nazista, il direttore di lunga data dell'ospedale distrettuale di Kaufbeuren, Michael von Cranach, non riteneva valide tutte e tre le argomentazioni.[14] La cosiddetta “autorizzazione Führer” non aveva forza legale, il decorso concreto delle uccisioni avrebbe messo in discussione l'argomento della compassione e non vi sarebbe stato alcun consenso sociale.

Faltlhauser morì a Monaco di Baviera nel 1961 all'età di 84 anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b jeweils ein halbes Jahr; 1900 als Sanitätsgefreiter der Reserve, 1904 als Unterarzt der Reserve entlassen. Vgl. Bayerisches Hauptstaatsarchiv IV; digitalisierte Kopie (Kriegsrangliste 3279, Bild 455) bei ancestry.com, abgerufen am 29. Juli 2019
  2. ^ Ulrich Pötzl: Dr. Valentin Faltlhauser – Reformpsychiatrie, Erbbiologie und Lebensvernichtung, in: Michael von Cranach, Hans-Ludwig Siemen (Hrsg.): Psychiatrie im Nationalsozialismus – Die Bayerischen Heil- und Pflegeanstalten zwischen 1933 und 1945, München 1999, S. 385f.
  3. ^ Bayerisches Kriegsarchiv, Kriegsrangliste Nr. 3279
  4. ^ a b Euthanasie in Kaufbeuren (PDF; 2,3 MB), in: Antifaschistische Nachrichten 12/2003
  5. ^ a b c d siehe Literatur Astrid Ley: Zwangssterilisation und Ärzteschaft
  6. ^ Valentin Faltlhauser: Die offene Irrenfürsorge, Berlin 1927, S. 275
  7. ^ Ernst Klee: Das Personenlexikon zum Dritten Reich, Frankfurt am Main 2007, S. 144.
  8. ^ a b c siehe Literatur Ernst Klee: „Euthanasie“ im NS-Staat
  9. ^ Heinz Schott und Rainer Tölle: Geschichte der Psychiatrie. Krankheitslehren, Irrwege, Behandlungsformen, München 2006, S. 543
  10. ^ siehe Weblink Petra Schweizer-Martinschek: Medizinversuche an behinderten Kindern im Rahmen des NS-„Euthanasie-Programms“
  11. ^ siehe Literatur Robert J. Lifton: The Nazi Doctors - Medical Killing and the Psychology of Genocide
  12. ^ Close-up of Richard Jenne, the last child killed by the head nurse at the Kaufbeuren-Irsee euthanasia facility., USHMM, Abruf am 10. Februar 2012.
  13. ^ Verfahren Lfd. Nr. 162 - Justiz- und NS-Verbrechen, su www1.jur.uva.nl.
  14. ^ a b Vgl. Michael von Cranach: Die Haltung der Anstaltspsychiatrie. In: Maike Rotzoll, Gerhard Hohendorf u. a. (Hrsg.): Die nationalsozialistische „Euthanasie“-Aktion „T4“ und ihre Opfer. Geschichte und ethische Konsequenzen für die Gegenwart. Paderborn u. a. 2010, S. 85.
  15. ^ Faltlhauser zu seiner Verteidigung 1948, zitiert bei: Doris Nauer: Kirchliche Seelsorgerinnen und Seelsorger im Psychiatrischen Krankenhaus?. Kritische Reflexionen zu Theorie, Praxis und Methodik von KrankenhausseelsorgerInnen aus pastoraltheologischer Perspektive, Lit.-Verlag, Münster 1999, S. 45

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Scritti[modifica | modifica wikitesto]

  • Casuistischer Beitrag zur Chorea Huntington's. Inaugural-Dissertation, Erlangen 1906
  • Geisteskrankenpflege: Ein Lehr- u. Handbuch für Irrenpfleger. Zus. mit Ludwig Scholz. 4. Aufl., Halle 1939. (erste Aufl. 1923)
  • Offene Fürsorge. Zus. mit Hans Roemer und Gerhard Kolb. Berlin 1927
  • Die wirtschaftliche Unentbehrlichkeit und die wirtschaftliche Gestaltung der offenen Geisteskrankenfürsorge in der Gegenwart unter besonderer Berücksichtigung der Fürsorge in der Stadt. in: Zeitschrift für psychische Hygiene 5, 1932, S. 89f.
  • Erbpflege und Rassenpflege. 2. überarbeitete Aufl., Halle 1937. (erste Aufl. 1934)

Letteratura[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN59891800 · ISNI (EN0000 0000 4440 4630 · LCCN (ENn97073637 · GND (DE119323818 · WorldCat Identities (ENlccn-n97073637