Utente:Lele giannoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Benvenuto nella mia pagina!

it-N Questo utente può contribuire con un livello madrelingua in italiano.
fr-3 Cet utilisateur dispose de connaissances avancées en français.
en-3 This user has advanced knowledge of English.
es-1 Este usuario tiene un conocimiento básico del español.
la-2 Hic usor media Latinitate contribuere potest.
lij-2 St'utente o conosce o ligure a un livello mezan.
lmo-1 Quel druvat chì 'l gh'ha una cunuscenza basilar del Lumbard.
nap-1 St'utente tene nu livello base 'e napulitano.


Guillotine Best.jpg Questo utente crede che la democrazia
sia la tirannide
della maggioranza

Da tempo volevo mettere in questa pagina le mie citazioni preferite. Per esempio:

« Περὶ τοῦ μη ὄντος ἠ περὶ φύσεως »
(Gorgia da Lentini)
« Les hommes ont créé les dieux,
le contraire reste à prouver »
(Francis Picabia ou Serge Gainsbourg)
« Loco a gentile,
ad innocente opra non v'è: non resta
che far torto o patirlo »
(Alessandro Manzoni)
« Non amo che le rose
che non colsi. Non amo che le cose
che potevano essere e non sono
state »
(Guido Gozzano)

Ma poi ho pensato che fossero troppo nichiliste e che ci volesse qualcosa di più semplice ed umano, come:

« Primum vivere, deinde philosophari »
(Aristotele di Stagira)
« Homo sum: humani nihil a me alienum puto »
(Publio Terenzio Afro)

Però anche queste mi son sembrate troppo serie ed alla fine ho deciso che la frase migliore fosse questa:

« A l'è questiôn d' nen piessla...Dici bene,
o mio savio Gianduia ridarello! »
(Guido Gozzano)

Antifascismo gratuito[modifica | modifica wikitesto]

Come si può vedere da vari miei interventi, combatto l'antifascismo "gratuito" su Wikipedia e fuori, ovvero lotto contro chi accusa i fascisti di ciò che non hanno fatto, oppure esagera ciò che hanno fatto, oppure ancora li colpevolizza per difetti innocui.
Questi antifascisti faciloni non sono solo scorretti, perché i Fascisti non si possono difendere, ma soprattutto passano dalla parte del torto, e diventa perciò giusto combatterli, per riportare le colpe dei Fascisti nei loro limiti reali.
Credo che molti wikipedisti appartengano a generazioni che non solo non hanno visto il Fascismo, ma nemmeno l'han visto i loro genitori: conoscono il Fascismo attraverso la scuola ed i media democratici, che sono falsi e tendenziosi quanto quelli fascisti.
Io ho avuto la fortuna di avere i nonni paterni fascisti e quelli materni antifascisti e perciò sono abbastanza equanime nel giudicare. Non sono né un antifascista, né un nostalgico del Ventennio.
Vedo nella Democrazia e nel Fascismo, così come nell'Assolutismo del Settecento, gli stessi difetti: il conformismo e la piaggeria verso il tiranno.

Che cos'è lo "stile enciclopedico"?[modifica | modifica wikitesto]

Contesto che le "convenzioni di Wikipedia" possano essere considerate tipiche dello "stile enciclopedico". Lo stile enciclopedico era quello che caratterizzava le enciclopedie cartacee, in quanto esse avevano grossi limiti di spazio e perciò dovevano concentrare molte informazioni in poche righe di testo, mantenendo la chiarezza. Ricorrevano perciò ad abbreviature; e fra due parole o forme ortografiche sceglievano sempre la più breve, e così via. Esempi di questo stile sono le Garzantine e l'Enciclopedia Bompiani, ma anche Universo o Rizzoli-Larousse non si discostano di molto. Solo la Treccani, che costava qualche mese di stipendio di un operaio o impiegato, non era scritta in stile enciclopedico, ma nello stile scorrevole della divulgazione scientifica. Wikipedia, per il solo fatto di essere informatica, si può permettere di non esser scritta in stile enciclopedico. La prova del fatto che Wikipedia non sia scritta in stile enciclopedico si potrebbe ottenere copiando una voce da un'enciclopedia cartacea (esclusa la Treccani) su Wikipedia: di là della violazione del diritto d'autore, apparirebbe entro pochi minuti lo striscione "Questa voce è solo un'abbozzo. Constribuisci a migliorarla secono le convenzioni di Wikipedia". Ne dobbiamo dedurre che le enciclopedie fin qui scritte non sono state scritte in stile enciclopedico? E che solo Wikipedia è enciclopedica? Ecco perché mi sembra che nel chiamare "stile enciclopedico" quello di Wikipedia ci sia anche un po' di arroganza verso le altre povere enciclopedie. Forse sarebbe meglio chiamarlo "stile divulgativo", "stile scientifico", "stile saggistico" o qualcosa di simile.

Direi che un difetto di wikipedia sia proprio la prolissità: le voci succinte e stringate si ritrovano lo striscione di "abbozzo", mentre molto più difficilmente vengono censurate le voci prolisse. C'è quasi l'idea che un'enciclopedia debba contenere più informazioni possibile, l'idea tipica delle enciclopedie medievali. Ma non è così: innanzitutto un'enciclopedia deve dare tutte, ma sole, le informazioni richieste dal suo lettore medio. Un redattore di enciclopedia deve aver chiaro quanto dev'esser lunga la voce e quali dati deve contenere. Naturalmente ogni enciclopedia ha un pubblico diverso. Questo per dire che secondo me molte "voci in vetrina" sono decisamente troppo lunghe per il lettore medio e sono scritte da appassionati per altri appassionati.
In seconda battuta, per chi voglia approfondire, un'enciclopedia (e Wikipedia lo fa molto bene attraverso l'apparato a pié di pagina) dopo aver dato le informazioni principali deve "smistare" verso opere più approfondite.

Purismo linguistico e barbarismi[modifica | modifica wikitesto]

Come si può vedere dai miei interventi, sono entrato in conflitto con i portali soprattutto per questioni di scelte terminiologiche, in cui io difendevo la variante più purista. Credo che chi si oppone sistematicamente alle parole italiane in favore di quelle straniere lo faccia per ostentare il suo antifascismo. Infatti è credenza popolare che il purismo linguistico sia tipico del Fascismo. In realtà, controllando quando sono state usate le parole che io difendo ("urriti" contro "hurriti"; e "stemmario" contro "armoriale" e "blasonario") mi sono reso conto che esse non erano affatto usate negli anni Trenta, bensì furono inventate negli anni Sessanta. Bisogna anche ricordare che maniaci puristi furono i comunisti Gramsci e Togliatti, così come il liberale Benedetto Croce, perciò il fronte fra puristi e barbaristi non è quello fra fascisti ed antifascisti. Del purismo fascista si può solo dire che raggiunse punte comiche che Gramsci, Togliatti e Croce non raggiunsero mai (tantevvero che non vengono più percepiti come puristi). Per correttezza bisogna però ricordare anche le parole fasciste entrate nell'uso comune, come "calcio" (nel senso dello sport e quindi "fuorigioco", "calcio d'angolo", "calcio di rigore"), "autista", "regista" o "tramezzino". Chi ha davvero travolto il purismo di tutti gli orientamenti politici sono stati la nuova sinistra (sessantottina) e la nuova destra (liberista): i primi perché sentono che il purismo richiede un livello culturale che lo preclude ai ceti medio-bassi, i secondi perché subiscono il fascino dell'inglese.

Benché fuori moda, credo che il purismo linguistico sia più educativo del barbarismo, perché richiede una maggiore consapevolezza linguistica della priopria lingua (dell'etimologia, delle regole fonetiche ed ortografiche), ma anche della semantica della lingua da cui si copia. Il barbarismo di solito si giustifica o in base ad un ingenuo progressismo ("la lingua si evolve"), o con un preteso rispetto per la lingua cui le parole in questione si riferiscono (che però corrisponde ad una mancanza di rispetto per la coerenza ortografica dell'italiano), o infine con una gioiosa abbondanza di parole cui vengono assegnati significati specifici italiani in barba al loro valore semantico nelle lingue d'origine. Come chi mi vuol spiegare che in italiano un computer è diverso da un calcolatore e da una calcolatrice, mentre in inglese è un termine generale che si applica sia ai calcolatori che alle calcolatrici. Fino ad arrivare a quei casi in cui usiamo parole inglesi diverse da quelle normalmente usate dagli anglosassoni, come "film" anziché "movie". In realtà la lingua non si evolve da sola: l'evoluzione della lingua è l'effetto di precise scelte politiche della maggioranza dei parlanti. La scelta barbarista a sinistra è una sorta di non discriminazione fra le parole, che è l'applicazione di un tipico valore democratico alla lingua, una sorta di "volemose bbene" lessicale: non discriminiamo le parole straniere come non discriminiamo gli extracomunitari (peccato che le parole straniere vengano da paesi più ricchi di noi, a differenza degli immigrati). A destra l'uso di parole inglesi in italiano è acritica accettazione della cultura anglosassone (che è oggi la paladina della democrazia, del capitalismo, del consumismo e dell'edonismo nel mondo). Credo che entrambi gli atteggiamenti, l'obbedienza agli americani e l'accettazione indiscriminata dello straniero, non siano buone qualità per una persona colta, che deve invece sempre interrogarsi sul significato che ha una parola nella lingua d'origine, sulla sua etimologia, e dall'altra parte sulle caratteristiche della lingua italiana in cui la inserisce, per mantenerne la coerenza interna.

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

Un altro punto sul quale mi scontro spesso e correggo le voci della Wikipedia italiana sono le traduzioni. Innanzitutto osservo che non bisogna credere che sapere una lingua straniera voglia dire saper tradurre da e in quella lingua. Anzi. Correttamente gli insegnanti di lingue moderne ci costringono a pensare nella lingua che studiamo e a non tradurre dall'italiano alla lingua in questione. Perciò chi studia le lingue straniere non impara affatto (e giustamente) a tradurre, cioè a confrontare le due lingue, le grammatiche, i vocabolari, lo spirito delle diverse culture. Solo chi studia il latino e il greco viene educato proprio a tradurre. E con ciò spezzo una lancia a favore dei licei.

Contenuti[modifica | modifica wikitesto]

Io ho iniziato a intervenire pesantemente su voci altrui quando mi sono reso conto che molti "wikipediani" copiavano le voci inglesi senza spirito critico: non si rendevano conto che queste voci erano fortemente nazionalistiche: parlavano solo, o prevalentemente, di ciò che avveniva in Inghilterra e negli Stati Uniti; e addirittura affermavano esplicitamente, o lo lasciavano credere, che questi popoli avessero compiuto molte innovazioni che invece erano avvenute prima ed altrove.

Perciò è necessario avere una certa conoscenza della materia prima di tradurre una voce, per capire se è o meno affidabile; e in ogni modo quali modifiche debbano essere fatte. Come prima indicazione direi che nelle voci umanistiche generali, quelle che coprono un argomento che riguarda più nazioni, bisogna sempre ridurre lo spazio dedicato ai paesi anglosassoni ed ampliare quello dedicato all'Italia.

Segnalo infine che oltre a quelli di tipo nazionalistico emergono anche altri "incidenti" di trasposizione da una cultura all'altra. Ad esempio i paesi anglosassoni con riferimento al periodo precedente il 1500 a.C. seguono la cosiddetta "cronologia breve", noi continentali seguiamo la "cronologia media". Tuttavia, né chi scrive voci basandosi sui libri italiani, né chi traduce da en.wiki segnalano quale sistema seguono, col risultato che fanno sembrare contemporanei personaggi o eventi storici che non lo sono; e soprattutto che non fanno più capire che certi personaggi od eventi furono fra loro contemporanei.

Lingua[modifica | modifica wikitesto]

Quando si traduce una frase non bisogna tradurre parola per parola, ma capire il senso e poi chiedersi: come direbbe un italiano questo concetto? Normalmente userebbe un altro giro di frase. Io uso spesso delle frasi fatte (le deprecate frasi fatte...), ma in questo modo sono sicuro di usare espressioni tipiche dell'italiano e di non essere condizionato dalla lingua straniera.

La maggiore attenzione bisogna porla nel tradurre la terminologia specifica della materia in questione, con particolare attenzione ai titoli delle voci. Per conoscere i termini tecnici e le espressioni corrette italiane bisogna essere abituati a leggere libri italiani su quell'argomento. E per libri in italiano intendo quelli scritti da italiani, perché quelli tradotti spesso, per pigrizia o per aderire maggiormente al testo originale, conservano parole e giri di frase della lingua di partenza.