Un universo inquieto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un universo inquieto
Vita e opere di Paola Levi-Montalcini
Autore Rita Levi-Montalcini
1ª ed. originale 2001
Genere saggio
Lingua originale italiano

Un universo inquieto è un saggio scritto dal Premio Nobel Rita Levi-Montalcini nel 2011 e dedicato alla sorella gemella Paola, pittrice "libera, transfuga vestale d'arte".[1]

Il titolo riprende quello in inglese di un sua opera (Restless Universe), dove attraverso l'utilizzo della matematica e di forme geometriche esterna la sua inesausta creatività artistica, tradotta in seguito nella molteplicità delle sue configurazioni sia pittoriche che cinetico-luminose.

Nel libro sono riportati alcuni disegni ed appunti di Paola ritrovati in un taccuino, corredati da riflessioni sulle tecniche adottate dai più grandi pittori rinascimentali e barocchi. Sono stati inoltre trascritti articoli di giornali e 62 lettere inviate alla madre Adele, a Rita e all'amico Bruno Zevi, da cui emerge uno spaccato del suo vissuto umano ed artistico, e di quanti hanno avuto modo di amarla ed ammirarla tra i quali Giorgio De Chirico, Giulio Carlo Argan, Tullia Zevi, Gillo Dorfles, Lalla Romano e molti altri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In esergo. Op. cit., pag. 6

Edizione[modifica | modifica wikitesto]

  • Rita Levi-Montalcini, Un universo inquieto, Baldini Castoldi Dalai, 2001. ISBN 8884901111.