Ugo I di Baux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ugo di Baux (9811060) è stato il primo membro della stirpe dei signori di Baux-de-Provence a portare il nome di Baux[1], facendone il suo patronimico intorno all'anno 1000. Si tratta, secondo una bolla di Benedetto VIII (1024), del signore di Baux, di Montpaon e di Meyrargues. Egli sposa Emaur (o Enaurs), figlia di Artaud, visconte di Cavaillon.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Pons III il Giovane (circa 950-1030) e di Profecta, signora del Berre[2]. Morendo, Pons lascia tre figli (Ugo, Pons e Goffredo) a capo di un importante possedimento familiare. Tranne Pons, che è diventato chierico, gli altri due fratelli si dividono l'eredità. Goffredo diventa signore di Rians[3].

Ugo sposa Enaurs di Cavaillon, figlia di Artaud, visconte di Cavaillon, da cui avrà due bambini. Costui si trova a vivere all'epoca in cui i governatori di Provenza, e in prima fila lo stesso Ugo, approfittando dell'apatia di Raoul, re d'Arles, si emancipano, fortificandosi nei loro domini.

Essendo il primo a portare il nome di "Baux", viene egli giustamente considerato capostipite della dinastia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Pierre Conso, I signori di Baux. X-XV secolo, ed. des Consuls, Tarascon, 2010, p. 33.
  2. ^ Les Seigneurs des Baux, op. cit., p. 35.
  3. ^ Les Seigneurs des Baux, op. cit., p. 40.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) L. Barthélemy, Inventaire du château des Baux, Revue des sociétés savantes, 8a serie, T. VI, 1877
  • (FR) L. Barthélemy, Inventaire chronologique et analytique des chartes de la maison des Baux, Marsiglia, 1882
  • (FR) Louis Paulet, Les Baux et Castillon : Histoire des communes des Baux, du Paradou, de Maussane et de Mouriès, Saint-Rémy de Provence, 1902
  • (FR) Abel Destandau, Documents inédits sur la ville des Baux, T. III, Mémoires de l'Académie du Vaucluse, 1903
  • (FR) Gustave Noblemaire, Histoire de la Maison des Baux, Parigi, 1913
  • (FR) Fernand Benoit, Les Baux, Parigi, 1928
  • (FR) Odile Maufras, Le castrum des Baux de Provence : histoire d'un site fortifié médiéval, Provence Historique, 40, fasc. 159, 1990

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]