Tr 3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tr 3
Ammasso aperto
Tr 3.png
Tr 3
Scoperta
ScopritoreEdward Emerson Barnard
Data1927
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneCassiopea
Ascensione retta03h 11m 48s[1]
Declinazione+63° 15′ 00″[1]
Distanza2250[2] a.l.
(690[2] pc)
Magnitudine apparente (V)7,0[1]
Dimensione apparente (V)23'
Caratteristiche fisiche
TipoAmmasso aperto
ClasseII 3 p
Età stimata67 milioni di anni[2]
Altre designazioni
Cr 36; Harvard 1[1]
Mappa di localizzazione
Tr 3
Cassiopeia IAU.svg
Categoria di ammassi aperti

Coordinate: Carta celeste 03h 11m 48s, +63° 15′ 00″

Tr 3 è un ammasso aperto visibile nella costellazione di Cassiopea.

Osservazione[modifica | modifica wikitesto]

Mappa per individuare Tr 3.

Si individua nella parte orientale della costellazione, in direzione di un tratto della Via Lattea piuttosto oscurato da polveri interstellari; attraverso un binocolo appare come un leggero addensamento di stelle di magnitudine 8 e 9, dalla forma più o meno triangolare; con un telescopio da 120mm di apertura sono visibili a ingrandimenti medio-bassi una ventina di stelle sparse fino alla magnitudine 12, disposte attorno alla figura principale. Strumenti con aperture maggiori di solito non permettono una visione ottimale a causa delle grandi dimensioni apparenti dell'ammasso e alla dispersione delle sue componenti.

La declinazione fortemente settentrionale di quest'ammasso favorisce notevolmente gli osservatori dell'emisfero nord, da cui si presenta circumpolare fino alle latitudini medio-basse; dall'emisfero australe d'altra parte resta piuttosto basso e non è osservabile dalle aree lontane dalla zona tropicale.[3] Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale è quello compreso fra ottobre e marzo.

Storia delle osservazioni[modifica | modifica wikitesto]

Tr 3 venne descritto per la prima volta da Robert Julius Trumpler nel 1930 come un ammasso molto disperso e di struttura e forma irregolare; tuttavia già nel 1927 quest'area di cielo era stata studiata da Edward Emerson Barnard, che aveva ipotizzato l'esistenza di un ammasso aperto in questa direzione.[4]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Tr 3 è un ammasso piuttosto esteso e relativamente povero di stelle; la sua distanza è stimata attorno ai 690 parsec (2250 anni luce)[2] e ricade così sul bordo esterno del Braccio di Orione, in una regione adiacente all'associazione OB nota come Camelopardalis OB1. Entro poche decine di parsec si troverebbero anche i due ammassi NGC 1027 e Tr 2.

La sua età è stimata sui 70 milioni di anni e risulta essere così relativamente giovane; la sua massa totale è pari a 270±40 M, distribuita fra almeno 570 componenti effettive, comprese quelle di piccola massa, che ancora non mostrano segni di progressivo allontanamento dal corpo centrale dell'oggetto. La densità media dell'ammasso è di circa 1,2 stelle per parsec cubo. Nei campi stellari visibili nella sua direzione sono state individuate 24 stelle variabili, quasi tutte però non facenti parte dell'ammasso, ma visibili qui solo per un effetto prospettico; l'unica riconosciuta quale membro dell'ammasso è una variabile γ Doradus.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d SIMBAD Astronomical Database, in Results for Tr 3. URL consultato il 26 luglio 2013.
  2. ^ a b c d WEBDA page for open cluster Tr 3, su univie.ac.at. URL consultato il 26 luglio 2013.
  3. ^ Una declinazione di 63°N equivale ad una distanza angolare dal polo nord celeste di 27°; il che equivale a dire che a nord del 27°N l'oggetto si presenta circumpolare, mentre a sud del 27°S l'oggetto non sorge mai.
  4. ^ a b Maciejewski, G.; Bukowiecki, Ł., The young open cluster Trumpler 3, in Astronomische Nachrichten, vol. 331, nº 3, marzo 2010, p. 312, DOI:10.1002/asna.200911338. URL consultato il 26 luglio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Trumpler 3 - Deepskypedia, su deepskypedia.com. URL consultato il 26 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2013).
Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari