Torikago Syndrome

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Torikago Syndrome
鳥籠シンドローム
Torikago Syndrome.jpg
Copertina del primo albo in italiano
Genereshōnen'ai, sentimentale, psicologico
Manga
AutoreAkaza Samamiya
EditoreKadokawa Shoten
RivistaAsuka
Targetshōjō
1ª edizione23 giugno 2012 – 23 febbraio 2013
Tankōbon2 (completa)
Editore it.J-Pop
1ª edizione it.4 maggio – 29 giugno 2016
Volumi it.2 (completa)

Torikago Syndrome (鳥籠シンドローム?) è un manga shōnen'ai scritto e disegnato da Akaza Samamiya, serializzato dal 2012 al 2013 sulla rivista Asuka e successivamente raccolto in due volumi dall'editore Kadokawa Shoten. In Italia è stato tradotto e distribuito dalla J-Pop.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ayase è un orfano che viene adottato da un uomo misterioso che non ha mai visto prima. Si trasferisce in una scuola dove non ci sono regole e gli insegnanti non hanno accesso ai dormitori. Tenterà di scoprire chi gestisce l'accadamia.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Ayase Tsugumi
Nato da padre europeo e madre giapponese, Ayase è cresciuto in un orfanotrofio del Giappone a causa della loro prematura morte. Con l'aiuto di un uomo misterioso, si è trasferito alla Zugwar Academy nella madrepatria di suo padre. È molto veloce nel fuggire, al punto di diventare istantaneamente invisibile grazie alla propria forte fobia nell'essere notato).
Licht
È la prima persona incontrata da Tsugumi all'Accademia Zigwar. Invita Tsugumi a unirsi al "Gioco", anche se sembra aver già superato tutti i livelli. Spesso mangia mele.

Pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Data di prima pubblicazione
GiapponeseItaliano
120 novembre 2012[1]ISBN 978-4041205129 4 maggio 2016[2]ISBN 978-8868835729
222 marzo 2013[3]ISBN 978-4041206577 29 giugno 2016[4]ISBN 978-8868836009

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (JA) 鳥籠シンドローム 第1巻, Kadokawa Shoten. URL consultato il 6 marzo 2019.
  2. ^ Torikago Syndrome 001, su www.j-pop.it. URL consultato il 6 marzo 2019.
  3. ^ (JA) 鳥籠シンドローム 第2巻, Kadokawa Shoten. URL consultato il 6 marzo 2019.
  4. ^ Torikago Syndrome 002, su www.j-pop.it. URL consultato il 6 marzo 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]