Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Tigre Bianca (costellazione cinese)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Raffigurazione scultorea della Tigre Bianca dell'Ovest

La Tigre Bianca è uno dei quattro simboli delle costellazioni cinesi. Chiamata anche Tigre Bianca dell'Ovest (cinese:西方白虎, pinyin: Xī Fāng Bái Hǔ), ed è nota come Byakko in Giappone, Baekho in Corea e Bạch Hổ in Vietnam. Rappresenta l'occidente e la stagione autunnale.

Le sette dimore della Tigre Bianca[modifica | modifica wikitesto]

Come per gli altri quattro simboli, anche la Tigre Bianca corrisponde a sette "case" (Xiu), o posizioni, della luna. I nomi e le stelle determinative sono:[1][2]

Casa n. Nome (pinyin) Traduzione Stella determinativa
15 奎 (Kuí) Gambe Eta Andromedae
16 婁 (Lóu) Legame Beta Arietis
17 胃 (Wèi) Stomaco 35 Arietis
18 昴 (Mǎo) Testa Pelosa Alcyone
19 畢 (Bì) Rete Zeta Tauri
20 觜 (Zī) Becco di Tartaruga Meissa
21 參 (Shēn) Tre Stelle Alnitak

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Durante la dinastia Han, la popolazione credeva che la tigre fosse il re di tutti gli animali. La leggenda narra che quando una tigre raggiungeva i 500 anni di età la sua coda prendeva una colorazione bianca. In questo modo, la tigre bianca è diventata una specie di creatura mitologica. Si diceva che la tigre bianca sarebbe apparsa solo quando l'imperatore avesse stabilito un regno di virtù assoluta, o se ci fosse stata la pace in tutto il mondo. Il colore bianco per i cinesi nel Wu Xing (cinque elementi) rappresenta anche l'Occidente, così la Tigre Bianca è diventata il mitologico guardiano dell'ovest.[3]

Nella narrativa[modifica | modifica wikitesto]

Nel romanzo Shuo Tang Yanyi ("Racconti della dinastia Tang"), si afferma che la reincarnazione della stella della Tigre Bianca sia il generale Luo Cheng (羅成 / 罗成), che servì l'Esercito di Wagang (瓦岗军) e in seguito Li Shimin, e che la reincarnazione della stella del Drago Azzurro sia il generale ribelle Dan Xiongxin (單雄信 / 单雄信, il suo cognome 單 può essere pronunciato come Dān, Chán o Shàn), che servì Wang Shichong. I due sono fratelli fedeli di Qin Shubao e Cheng Yaojin. Si dice che le loro anime dopo la morte possiedano il corpo dei nuovi eroi delle dinastie Tang e Goguryeo, Xue Rengui (薛仁貴 / 薛仁贵) e Yeon Gaesomun (渊盖苏文).

Hattara Sonja con la Tigre Bianca.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Chinese Sky, International Dunhuang Project. URL consultato il 25 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2015).
  2. ^ Xiaochun Sun, Encyclopaedia of the History of Science, Technology, and Medicine in Non-Western Cultures, a cura di Helaine Selin, Kluwer Academic Publishers, 1997, pp. 517, ISBN 0-7923-4066-3. URL consultato il 25 giugno 2011.
  3. ^ La Tigre Bianca dell'Ovest[collegamento interrotto] gol.com

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]