Teoria degli operatori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In matematica, la teoria degli operatori è un settore dell'analisi funzionale che si occupa degli operatori (ovvero funzioni) che sono lineari e sono definiti tra spazi di funzioni, come ad esempio gli operatori differenziali e integrali.

Di particolare interesse sono gli operatori limitati, gli operatori chiusi e quelli normali; questi ultimi includono gli operatori autoaggiunti, emisimmetrici e unitari. In generale, il loro studio è fortemente legato alla topologia operatoriale definita negli spazi in cui vivono.

Se un insieme di operatori forma un'algebra su di un campo, si tratta di un'algebra di operatori.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) John B. Conway, A Course in Functional Analysis, 2nd edition, Springer-Verlag, 1994, ISBN 0-387-97245-5
  • (EN) Takashi Yoshino, Introduction to Operator Theory, Chapman and Hall/CRC, 1993, ISBN 978-0582237438.
  • (EN) Sunder, V.S. Functional Analysis: Spectral Theory (1997) Birkhäuser Verlag

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica